People For Planet

Abbonamento a feed People For Planet People For Planet
Aggiornato: 14 min 43 sec fa

100 parole in più dopo la pandemia

Mer, 05/27/2020 - 11:58

Qualcuno a dicembre aveva mai sentito parlare di termoscanner, curva epidemica o distanziamento sociale?

Immagino di no, e invece da un paio di mesi queste parole sono entrate nel lessico familiare, sappiamo tutto della curva del contagio (tutti tranne Gallera) e del lockdown.

La differenza tra epidemia e pandemia non ha segreti, sappiamo cos’è un coronavirus, quanto dura il periodo di incubazione del virus, quali sono i sintomi.  

Per non parlare di mascherine, gel disinfettanti, respiratori, vari tipi di guanti.

E in molti lavoriamo in smart working, quello che fino a poco tempo fa si chiamava “telelavoro”, termine ormai assolutamente desueto.

Sono 100 le nuove parole più usate durante l’emergenza – e anche “emergenza” la usiamo spessissimo – che il portale dell’Istituto Treccani ha inserito tra le più usate del periodo.

La pandemia ci ha arricchito almeno di parole, e tanti saluti ai congiunti.

Leggi anche:
Perché non ci parliamo più? La paralisi del linguaggio (e delle emozioni) ai tempi di WhatsApp
Fase 2, che cultura sarà?
Imparare il linguaggio degli uccelli in 5 mosse

Foto di Free-Photos da Pixabay

Categorie: Altri blog

Idee creative: come si fa una mongolfiera di carta

Mer, 05/27/2020 - 10:00

Avete mai pensato di creare una mongolfiera per arredare le camerette o sale giochi dei vostri bambini? Una bella idea per trascorrere un momento creativo in compagnia dei vostri figli!

Dal canale YouTube withValeria Italia un semplicissimo tutorial che, passo dopo passo, vi mostrerà come fare per creare una ghirlanda di mongolfiere! Cosa serve:

  • Sagome di mongolfiere che potete scaricare da internet o disegnare voi stessi;
  • 3 o più fogli (se vogliamo essere 100% green possiamo usare anche vecchie riviste riciclando così la carta);
  • Forbici;
  • Colla;
  • Nastro.
Fonte: withValeria Italia

Leggi anche:
Come fare un aquilone (che vola!) con carta velina
Come fare girandole (che girano!) di carta
6 creazioni originali (e utili!) con i sassi

Categorie: Altri blog

Mascherine di comunità: le istruzioni dell’Iss per farle in casa

Mer, 05/27/2020 - 09:30

Per contrastare la diffusione del nuovo coronavirus Sars-Cov-2, responsabile dell’epidemia Covid-19, possono essere utilizzate mascherine di comunità fatte in casa con materiali facilmente reperibili e a basso costo.

A dare indicazioni su come realizzarle, su come indossarle correttamente e su come lavarle è l’Istituto superiore di sanità (Iss), che ha adattato un documento del Centers for disease control and prevention statunitense (Cdc).

Usarle bene e costantemente

Sebbene non siano dispositivi medici, ma “semplici” misure igieniche, le mascherine di comunità autoprodotte vanno indossate, “come le altre mascherine, nei luoghi chiusi e in tutti gli altri contesti, anche all’aperto, quando è difficile mantenere il distanziamento sociale”, spiega l’Iss. “Se usate bene e costantemente, infatti, anche le mascherine di comunità aiutano a contrastare la diffusione del virus“.

Guarda l’infografica dell’Istituto superiore di sanità

Leggi anche:
Come scegliere e come sanificare le mascherine di comunità
Covid-19, mascherine “di comunità”: cosa sono, come si usano

Categorie: Altri blog

Addio “effetto Greta” nelle aziende | Usa choc: fermato da agenti muore soffocato | Onu: fake news e xenofobia

Mer, 05/27/2020 - 06:25

Il Fatto Quotidiano: Bose, Vaticano decide che Bianchi e tre monaci devono andarsene. “Problemi su esercizio autorità”;

Corriere della Sera: Open Arms, dalla Giunta no al processo per Salvini Italia Viva si astiene: decisivi Giarrusso e una 5 Stelle;

Il Sole 24 Ore: Dl liquidità: Camera conferma fiducia con 310 sì. Mercoledì il via libera in prima lettura – Come è cambiato il decreto – Dl Rilancio, Gualtieri: taglio Irap per due milioni di imprese;

La Repubblica: Addio “effetto Greta”, nei bilanci delle aziende c’è meno ambiente e più salute;

Tgcom24: PERICOLO SUI SOCIAL Coronavirus, Copasir: “Fake news virali contro l’Italia” | Onu: “Impennata di teorie del complotto e xenofobia“;

Il Manifesto: «La lobby farmaceutica rifiutò la proposta Ue di sviluppare vaccini»;

Il Giornale: La ‘profezia’ sui nuovi contagi “La data cruciale per la curva”. L’epidemiologo e l’allentamento delle misure di distanziamento: “Gli effetti della movida sull’epidemia? A metà giugno”;

Il Mattino: Il 30% dei guariti dal Covid ha problemi respiratori cronici: polmoni a rischio per sei mesi. Coronavirus e caldo, l’esperto: soffre ma non sparirà. E uno studio smonta l’indice RT: «Impreciso e arriva troppo tardi»;

Leggo: Usa choc: afroamericano fermato da agenti muore soffocato. Licenziati i poliziotti coinvolti LE IMMAGINI;

Il Messaggero: Minacce a Sileri, la Procura apre un’inchiesta: il viceministro sotto scorta Sileri (Viceministro della salute): «Il passaporto sanitario è impraticabile» Virus, il viceministro Salute Sileri attacca il Cts: «Mi nascondono i verbali» Spostamenti tra regioni, Sileri: ok dal 1° giugno anche per la Lombardia. Coronavirus, Sileri: «Anche l’amicizia è un affetto stabile».

 
Categorie: Altri blog

John Peter Sloan, we will miss you!

Mar, 05/26/2020 - 18:30

È mancato oggi John Peter Sloan, insegnante di inglese, attore, sceneggiatore, comico e… amante dei cani. Si era preso la briga di insegnare l’inglese agli italiani divertendoci.

Fonte: YouTube John Peter Sloan

Diventato famoso grazie alla tv e alla sua simpatia, amava l’Italia, la Sicilia e insegnare l’inglese agli italiani.

Era anche un grande appassionato di animali e specialmente di cani, e a Menfi, Sicilia, dove aveva casa, ne aveva ben 14. Collaborava anche con le associazioni per salvarli dalla strada e farli adottare.

Leggi anche:
10 curiosità sui cani (Infografica)
Tutti amano i cani ma nessuno li adotta
Gli occhi dolci dei cani? Sono frutto dell’evoluzione

Categorie: Altri blog

L’Australia da negazionista sui temi climatici a efficace e progressista sul Covid-19

Mar, 05/26/2020 - 18:30

Fino a quattro mesi fa pochi leader sembravano influenzati dalla visione del mondo del presidente Trump più del primo ministro australiano, Scott Morrison.

Il governo di Morrison negava i problemi legati al clima e ha ricevuto, ricordiamo, aspre critiche in Australia e fuori per la pessima gestione degli incendi apocalittici durante l’estate australiana.

Invece l’Australia è indicata ora dalla stampa internazionale come uno tra i paesi che è riuscito meglio a gestire l’epidemia di coronavirus, quasi in concorrenza con la Corea del Sud e la Nuova Zelanda e ha fatto meglio di Singapore e Germania. Tra gli altri a dare atto del suo successo è stato Richard Flanagan, scrittore australiano di solito molto critico nei confronti del governo, sulle colonne del NYT.

Solo 4 morti per coronavirus ogni milione di abitanti, 550 in Italia

L’Australia, con quasi 25,5 milioni di persone, ha registrato al 25 maggio secondo la Johns Hopkins in tutto 102 morti per la pandemia. Cioè 4 morti per ogni milione di persone. Alla stessa data Negli Stati Uniti si registravano 275 morti per milione; in Italia 550!

Un approccio pragmatico e inclusivo

Il governo australiano in questa circostanza ha messo da parte un approccio ideologico per far fronte all’emergenza, adottando invece un approccio pragmatico e inclusivo.

Sono stati coinvolti e ascoltati gli scienziati, nel passato osteggiati da Morrison, negazionista rispetto alle calamità climatiche.

Morrison ha respinto l’idea di provare l’immunità di gregge come di fatto hanno provato tra gli altri Trump, Bolsonaro, Johnson con gli effetti catastrofici che sono sotto gli occhi di tutti.

È stato formato un gabinetto nazionale in cui i premier degli stati australiani (l’equivalente dei presidenti delle regioni) sia della sinistra che della destra si sono incontrati regolarmente in video per tracciare la strategia della nazione attraverso la crisi. Un governo in passato accusato di essere settario e divisivo è diventato inclusivo.

“Non ci sono squadre blu o rosse, solo australiani”

Il piano di stimolo economico è stato progettato dopo negoziati con vari gruppi della società civile, compresi i sindacati. “Non ci sono squadre blu o squadre rosse”, ha dichiarato Morrison all’inizio di aprile. “Ora ci sono solo australiani; questo è tutto ciò che conta.”

Ha ringraziato pubblicamente Sally McManus, la prima donna a capo del movimento sindacale australiano, socialista e femminista. Come se Trump chiedesse consiglio a Alexandria Ocasio Cortez e poi la ringraziasse.

Una eccezionale risposta economica alla crisi

La risposta economica alla crisi è stata straordinaria. È stato lanciato un enorme pacchetto di aiuti pari al 10,6% del PIL del paese, secondo nel mondo solo al Qatar (13 percento).

Le indennità di disoccupazione sono state raddoppiate, è stato introdotto un generoso (ma non universale) programma di sussidio salariale e l’assistenza ai bambini è stata resa gratuita: tutte misure che solo pochi mesi fa il partito del signor Morrison avrebbe denunciate come pericolosamente socialiste.

Le prospettive dell’economia dopo la crisi

Come conseguenza degli stimoli economici, l’economia australiana non dovrebbe precipitare nelle profondità catastrofiche temute per gli Stati Uniti o l’Europa. Il tasso di disoccupazione è salito al 6,2 per cento in aprile. La Reserve Bank of Australia ha previsto che raggiungerà il picco del 10% a giugno e scenderà lentamente al 6,5% entro giugno 2022. Tristi statistiche ma preferibili a quelle negli Stati Uniti, dove la disoccupazione ha raggiunto il 14,7% alla fine di aprile e, secondo il segretario al Tesoro Steven Mnuchin, potrebbe arrivare al 25%.

Fiducia nel governo

La fiducia degli australiani nel loro governo è cresciuta, risalendo dai minimi storici toccati a dicembre. Il 93% degli intervistati in un recente sondaggio ha dichiarato di credere che il governo “abbia gestito Covid-19 molto o abbastanza bene”.

Categorie: Altri blog

Avete mai sentito parlare del capodoglio Siso? (Video)

Mar, 05/26/2020 - 17:45

Giugno 2017, un capodoglio maschio di 10 metri rimane incagliato in una rete da pesca al largo delle Isole Eolie. Il corpo arriva fino a Milazzo, dove viene trovato da Carmelo Isgrò, biologo, che decide di dedicare all’animale un museo per sensibilizzare le persone sul problema mare e plastica.

Per maggiori informazioni sul museo del Mare di Milazzo clicca qui

flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_380"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/380/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/380/output/Capodoglio-siso-museo.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/380/Capodoglio-siso-museo.mp4' } ] } })

Leggi anche:
Turbina record da 2 MW, un gioiello tecnologico che produce energia dalle maree
Nel 2050 nel mare troveremo più plastica che pesci
Seabin, il cestino per la spazzatura del mare

Categorie: Altri blog

Maggio, 25°C in Siberia: se questo vi sembra normale

Mar, 05/26/2020 - 15:00

Il 22 maggio, a Khatanga, in Siberia, area nord del circolo polare artico, la temperatura ha toccato i 25,4° C, più del doppio della precedente temperatura record registrata nel periodo primaverile (12 °C) a fronte di una media di 0° C. Venticinque gradi in più rispetto alla media, se questo ci sembra normale, allora, oltre a quello climatico, il problema è di comprendonio

Cambiamento climatico e pandemie sono simili

Sono entrambi l’esito dello stravolgimento degli ecosistemi e dell’impatto dell’uomo sull’ambiente, solo, su scale temporali differenti. Che nel caso del cambiamento climatico si accorciano a una velocità spaventosa. Invece di rilassarci e congratularci perché la natura si sta riappropriando dei propri spazi come se l’uomo fosse uno spettatore estraneo, dovremmo pensare alle conseguenze delle nostre azioni e delle decisioni che i leader mondiali prendono in campo energetico.

I record del 2019

I record erano già stati toccati l’anno scorso, con la primavera più calda di sempre da quando sono iniziate le misurazioni nel 1936. Nel 2019 le temperature medie primaverili nel Nord della Russia, vale a dire sopra il 60° parallelo, sono state di ben 3,8 gradi Celsius più alte del normale. È la regione degli Urali settentrionali, compresa l’area della penisola di Yamal e del Golfo di Ob, che ha avuto il più forte aumento delle temperature in tutto l’Artico, con in media 1,58 gradi in più per ogni decennio negli ultimi 30 anni, mentre in tutta la Russia nello stesso periodo le temperature sono di 0,47 gradi per decennio, comunque circa il doppio della media globale.

I disgeli anticipati delle acque

L’immagine plastica di questi numeri la dà il grande fiume Yanisey, che dalla Mongolia scorre attraverso tutta la Siberia fino a sfociare nell’Oceano Artico, dove i ghiacci si sono sciolti 2 settimane prima del normale, a fine marzo, spostando verso la costa artica del mare di Kara enormi masse di ghiaccio

Secondo Roshydromet, il servizio meteorologico russo, situazioni analoghe si stanno verificando in tutti i principali fiumi del Paese, compresi la Dvina settentrionale, il Pechora e l’Ob: tutti hanno subìto un disgelo anticipato delle acque, con enormi scompensi a danno degli ecosistemi. L’aspetto più spaventoso è però il commento del Roshydromet: questa sarà la nuova normalità. 

La voce degli ambientalisti russi

Vasily Yablokov, a capo del progetto clima di Greenpeace Russia, guarda al Green New Deal europeo come a un modello per riprogettare il futuro: 

I paesi europei stanno emergendo dalla crisi, progettando di sviluppare energia rinnovabile, un’economia circolare e di attuare altre misure per rispettare gli obiettivi dell’Accordo di Parigi. Ora la Russia ha la possibilità di riconsiderare le sue priorità di sviluppo al fine di proteggersi sia da un punto di vista economico (carbone, petrolio e gas potrebbero presto non essere più richiesti), sia da un punto di vista ambientale, perché vediamo gli effetti dei cambiamenti climatici proprio ora nel nostro Paese.

Sono 15 le organizzazioni ambientaliste russe guidate da Greenpeace e Fridays For Future Russia, che nel corso di queste settimane stanno sensibilizzando l’opinione pubblica con appelli a Putin, l’ultimo è via lettera aperta, affinché il piano d’azione nazionale per superare la crisi da coronavirus, fissato l’1 giugno, contenga misure green, non più auspicabili, ma necessarie

Al presidente Vladimir Putin hanno scritto anche il Wwf Russia e Viacheslav Fetisov, Environment Patron of the Polar Regions dell’United Nations enviromental programme (Unep), invitandolo a chiedere al suo governo di approvare misure di sostegno e  promozione di settori verdi dell’economia e di meccanismi finanziari green.

“Ogni crisi è sempre un momento di opportunità”, hanno dichiarato, ma il timore è che per sostenere le imprese, passi la moratoria delle normative ambientali insieme ad altre misure a sostegno delle imprese, come le proposte finanziarie e fiscali. Scelta, questa, che avrebbe ricadute economiche che il pianeta, a partire dalla Russia, direttamente coinvolta dallo scioglimento dei ghiacciai, non può davvero permettersi.

Il presidente russo, similmente a quello americano, non ha mai mostrato simpatia per gli ambientalisti né ha posto in agenda obiettivi green, con effetti negativi sull’opinione pubblica. Stando alle indagini Ipsos, tra il 2014 e il 2020 la consapevolezza del cambiamento climatico antropico è diminuita dall’83 al 75%, in Russia passando addirittura dal 75% al ​​63%. Una consapevolezza ancora lontana dall’essere pensiero critico e azione, nonostante la Russia abbia aderito all’Accordo di Parigi nel settembre 2019. Accordo puntualmente disatteso dalla stessa Europa, a riprova che il Green New Deal sarà anche un modello, ma se non lo si applica in maniera sistematica, è solo palliativo e specchietto per le allodole.

Leggi anche:
La Commissione UE ha presentato il Green New Deal europeo
Ripartenza: le opportunità della crisi, investimenti e politiche dopo il Covid-19
Cambiamenti climatici e indicatori biologici: il Mediterraneo da temperato a subtropicale

Categorie: Altri blog

Analfabetismo di ritorno, o anche solo di andata

Mar, 05/26/2020 - 13:30

Quando Gallera, l’assessore al welfare della Lombardia, ha dichiarato che visto che il tasso di contagio era sceso allo 0,50 e quindi per essere infettati bisognava incontrare due positivi “contemporaneamente”, cercando così di rassicurare i lombardi che il peggio era passato, la cosa più divertente è stata la faccia di chi gli stava accanto.

Poi Gallera ha cercato di spiegare che voleva solo semplificare il concetto, ma ormai il guaio era fatto (“Portate via il morto!” Diceva una vecchia canzone, per chi indovina quale andrà la nostra più grande ammirazione). Così grosso il guaio che è notizia di oggi la possibilità di un rimpasto della giunta lombarda a luglio – non solo per la gaffe, si temono avvisi di garanzia alla giunta -, e intanto Gallera sarà affiancato da una task force di esperti così da neutralizzare altre semplificazioni. E probabilmente gli faranno indossare una mascherina di acciaio.

Come capita sempre, la frase di Gallera ha scatenato i social, ne pubblichiamo due che le riassumono tutte, una anonima e l’altra di Lercio, veramente geniali.

Albano e i dinosauri

Appena assopita un poco la bagarre su Gallera ecco che un altro intellettuale del nostro Paese si esibisce al suo meglio: Albano Carrisi, noto cantante e padre prolifico, ha dichiarato a Domenica In che “L’uomo ha distrutto i dinosauri, figuriamoci se non distrugge questo piccolo verme, microbo, che si chiama coronavirus“.

Sì, ecco, ok, parliamone signor Carrisi.

E qui  i social hanno dato il meglio di sé: “L’uomo ha distrutto i dinosauri, poi ha cucinato i tortellini nel brodo primordiale” uno dei primi commenti su Twitter

Oppure: “L’ultimo dinosauro si è suicidato ascoltando Nostalgia canaglia”. E chiosa Bufala News:  “Regione Lombardia, #Gallera ha convocato #Albano. Stanno progettando di sconfiggere il virus a suon di cazzate.

E comunque ha ragione Albano, massa di miscredenti, e ne abbiamo la prova fotografica:

Gli imbuti bavaresi

Controversa invece è la discussione sulla frase della Ministra dell’Istruzione Azzolina che nella conferenza stampa del 16 maggio ha affermato che «Lo studente non è un imbuto, da riempire di conoscenze. È ben altro»

E tutti a chiedersi se gli imbuti in casa Azzolina hanno un tappo e invece no, ignoranti che non siete altro, nella sua pagina Facebook la Ministra afferma: «L’imbuto di Norimberga è una metafora sull’apprendimento molto nota nel mondo della scuola: uno studente a cui vengono ‘versate’ nozioni in testa attraverso un imbuto

Siamo noi che alla parola Imbuto abbiamo pensato solo a Corrado Guzzanti e al suo personaggio mitico Vulvia che ci raccontava su Educational Channel tutto sugli ‘mbuti.

Vecchi campanilismi crescono

Il 15 maggio a Gubbio “c’enno i Ceri”, un’antichissima tradizione umbra che risale al XII secolo e che vede tutta la cittadina impegnata nella Festa dei Ceri che prevede osterie aperte tutta notte, una corsa da cardiopalma, mercato e chi più ne ha più ne metta. Insomma, una roba grossa. Quest’anno, causa coronavirus la festa è stata sospesa ma questo non ha impedito agli eugubini di riversarsi per le vie del paese causando assembramenti e scandalo.

La cosa ha fatto imbestialire il sindaco di Gualdo Tadino, distante solo 28 chilometri da Gubbio, tanto che ha deciso di chiudere le “frontiere” tra i due Comuni, vietando gli spostamenti tra uno e l’altro per due settimane.

Fino al 30 maggio, tra i due territori ci si potrà spostare solo per “comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute”, fermo restando “il divieto di assembramento e il distanziamento interpersonale di almeno un metro”, oltre all’utilizzo di “protezioni delle vie respiratorie”.

La rivalità tra Gualdo e Gubbio è questione antica e molti malpensanti pensano che questa sia stata l’occasione perfetta per ribadire il concetto. Ora non si sa se il sindaco di Gualdo abbia ordinato una decina di coccodrilli da far nuotare nel fossato intorno alla cittadina. Vi sapremo dire.

Insomma, dopo il Tunnel del Gran Sasso di Maria Stella Gelmini, Di Maio che afferma che l’uomo è fatto al 90% di acqua, Trippato della Lega che dichiara che “La Spagna ha concesso un porto sicuro a Madrid” forse a questi signori qualche imbuto sarebbe servito.

Leggi anche:
Trentino, esperto: “Il ragazzo inseguito dall’orso è un fake”
Covid-19, siamo alla Fase “Comiche igienistiche”
Confesso: ho trasgredito

Foto di sebastiano iervolino da Pixabay

Categorie: Altri blog

“Lombardia, Piemonte, E. Romagna forse chiuse per 1 o 2 settimane in più”

Mar, 05/26/2020 - 12:00

È quasi ufficiale: ci saranno date diverse per il via libera a spostarsi da regione a regione, e i tre grandi penitenti saranno quasi sicuramente Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna. Lo anticipa questa mattina il Corriere della Sera, che cita Palazzo Chigi: ci saranno “velocità diverse concordate con i governatori” in vista della riapertura del 3 giugno. “Il numero dei nuovi contagiati continua a scendere e se i dati del monitoraggio di venerdì saranno buoni come ci aspettiamo troveremo una soluzione che vada bene a tutti», hanno fatto sapere dal ministero della Salute. “Se dovessero esserci alcuni punti ancora critici è possibile che si decida di ritardare l’apertura dei confini di alcune regioni – Lombardia e Piemonte, forse anche l’Emilia-Romagna – per una settimana, due al massimo, in modo da poter poi concedere spostamenti liberi nel corso dell’estate”.

Venerdì il verdetto

L’ufficialità arriverà quindi venerdì mattina, quando sapremo l’esito del monitoraggio del Ministero della Salute che assegna a ogni regione il livello di rischio (che calcola il numero di tamponi effettuati, i malati, i guariti, i deceduti, ma soprattutto la disponibilità di posti in terapia intensiva).

La richiesta del Centro-Sud

La decisione di stabilire velocità diverse nella ripartenza deriva dalla posizione drastica assunta dai presidenti delle Regioni del Centro-Sud – soprattutto Sardegna e Sicilia, ma anche Campania – che minacciavano di vietare l’accesso a chi arriva da determinate regioni, con apposite ordinanze che includessero anche il Veneto. Notoriamente il Centro-Sud infatti non avrebbe strutture sanitarie adeguate all’esplosione di focolai di coronavirus, finora rimasti per fortuna casi isolati.

Leggi anche:
Prima i no-vax, ora i no-mask: pediatri presi di mira
Covid-19, sono finite le biciclette

Categorie: Altri blog

Covid-19, sono finite le biciclette

Mar, 05/26/2020 - 10:45

“I fornitori hanno finito le biciclette. Da tempo li contatto senza risultati: tutto esaurito”, mi dice Antonella Pesenti di Fridabike, che vende cargo e biciclette a Milano. Ma anche l’usato è stato preso d’assalto, segno che – bonus o no – la gente ha bisogno di una bici, e ne ha bisogno adesso. “A parte che lavoro come non ho mai lavorato prima per mettere a posto le bici tirate fuori dalle cantine – mi dice il Ciclista di via Cagnola, sempre a Milano – ma anche il mio piccolo mercatino di bici usate è completamente esaurito e non c’è passante (siamo sotto l’Arco della Pace, indi sono molti, ndr) che non mi chieda se ho bici d’occasione”. Anche la catena Decathlon ha il reparto vuoto.

La Stazione delle Biciclette di Milano con una lunga fila fuori (foto Igor Moskvin, CriticalMass)

“La situazione seguita al lockdown – spiega Rossignoli, marchio meneghino storico a gestione familiare – sta sottoponendo a fortissimo stress la filiera di produzione e di approvvigionamento dei componenti, per cui – per esempio – ci troviamo ad aspettare 10-15 giorni per ricevere le selle da montare sulle bici. In giorni normali, sarebbero arrivate in due giorni. Per dare l’idea della situazione, il prestigioso marchio Bianchi, cui siamo legati da tanti anni, ha il magazzino semivuoto”.

400mila bici in più dell’anno scorso

È bici mania a Milano e speriamo sia davvero l’alba di un nuovo futuro. Complice il rimborso fino a 500 euro sull’acquisto di bici e monopattini. Inoltre, le città stanno progettando piani per la mobilità sostenibileincentivando l’uso delle biciclette e realizzando piste ciclabili: il nuovo codice della strada dà la precedenza alle bici. Questo ha portato a un vero e proprio assalto ai negozi, con le scorte in molti casi finite. Gli stabilimenti, quindi, devono produrre più che mai, vista la domanda in continuo aumento. Le previsioni parlano di 400mila biciclette vendute in più quest’anno rispetto al 2019.

Boom, bonus a parte

Bonus mobilità a parte, a incentivare l’acquisto della bici c’è anche altro. “Dalle prime indicazioni che riceviamo dalla rete dei rivenditori  sembrerebbe che l’incentivo medio erogato, che non può superare il 60% del prezzo della bicicletta, sia pari a 300 euro– spiega Piero Nigrelli, direttore settore ciclo di Confindustria Ancma –. Sulla base di questo e considerata la dote del provvedimento, al momento pari a 120milioni di euro, la misura potrebbe generare vendite per 400mila pezzi, tra biciclette elettriche e normali”. Ma a generare interesse non è solo il bonus: “fin dal 5 maggio, giorno della ripartenza, c’è stato un boom di richieste di riparazioni per bici che erano in cantina e che improvvisamente per molti italiani erano diventate il mezzo su cui contare per muoversi in sicurezza nella fase 2. E chi non ne aveva una, ha deciso di comprarla, anche senza incentivi”, che del resto sono stati decisi anche retroattivi a partire proprio da quella data.

Colpa del lockdown

Resta il dubbio che le aziende riescano a sostenere il flusso della domanda, visto il fermo di oltre due mesi durante il lockdown. “Fra qualche settimana potrebbe mancare il prodotto. Non averci permesso di produrre per due mesi avrà delle conseguenze”.

Cargo e mountain bike

Bici elettriche o a pedalata assistita, mountain bike, perché c’è anche tanta voglia di sport e di montagna, dato che le spiagge non sembrano riservare nulla di particolarmente allettante. E cargo. “Anche questo settore – finora decisamente di nicchia – si sta velocemente espandendo, continua Antonella Pesenti – e le famiglie o chi vuole fare delivery “sostenibile” e salutare hanno alzato la domanda della cargo bike”, bici da trasporto, ma scattanti e compatte quanto serve.

Che fare?

Se avete bisogno di sistemare la vostra bici e l’attesa è troppo lunga, ci sono corsi ben fatti da seguire e anche da mettere a frutto, se per caso vorreste pensare di fare della bicicletta il vostro lavoro. Un esempio sono quelli di BikeItalia. Se invece volete la bicicletta, ma non ne trovate più, valutate l’acquisto di un mezzo usato, ma qui garantito dalla passione di chi lo frequenta e Critical Bike Market MILANO su Facebook (esiste anche in altre città). Normalmente il mercatino online vende anche pezzi di ricambio, ma per rispondere al boom ha deciso provvisoriamente di accettare solo post di chi vende bici complete.

A Milano nuove ciclabili

A dare speranza e coraggio ai poveri milanesi imbruttiti da una città sempre e comunque solo a misura di macchina, le splendide e miracolose nuove ciclabili spuntate in città. “In certi momenti – mi dice un ciclista lungo il nuovo Corso Buenos Aires – in certi punti della città, ti senti un abitante di un paese nordico, uno di quelli che da anni e per vocazione hanno messo le persone al centro, regalando spazio a pedoni, bici e mezzi non solo non inquinanti, ma anche leggeri, capaci di occupare poco spazio, silenziosi e così divertenti da guidare”. Il Comune, tramite il suo assessore Granelli, promette di continuare veloce e inesorabile, mentre spuntano sempre nuove e urgenti richieste (qui ad esempio una bella petizione su Change che chiede un collegamento sicuro per le bici tra il quartiere Boschetto – Stazione S9 di Trezzano sul Naviglio). Ci siamo ricreduti, Milano merita la fiducia che Greta Thunberg dopo il Guardian le hanno concesso, per un progetto ambizioso e subito partito bene. Avanti tutta.

Per approfondire:
Come non farsi rubare la bici: i consigli di un ladro
Marche, la destinazione dell’anno (in bici)
La rivoluzione della “bici scatola”

Categorie: Altri blog

Estate 2020, 10 regole per tornare a frequentare i rifugi di montagna

Mar, 05/26/2020 - 10:30

La “fase 2” è ormai più che avviata e sono sempre di più le persone che iniziano a pensare alla “fase 3“, quando dovrebbero allentarsi definitivamente le restrizioni ai movimenti ancora in voga. E se c’è chi sta fantasticando sulle ferie estive, c’è anche chi le sta pianificando. E se c’è chi opterà, nonostante tutte le complicazioni, per andare al mare, c’è anche chi non si farà sfuggire qualche escursione in montagna. Ecco allora dieci semplici regole, stilate dal Club alpino italiano (Cai) su indicazione della Commissione rifugi, cui ci si dovrà attenere per un ritorno alla frequentazione dei rifugi all’insegna del rispetto di sé e degli altri, della responsabilità e della correttezza.

Necessarie responsabilità e prudenza

“Responsabilità, autoregolamentazione e prudenza devono ispirare, ancora di più nell’attuale situazione, ogni frequentatore della montagna – ha affermato il presidente generale del Cai Vincenzo Torti -. Solo il rispetto delle raccomandazioni per la corretta frequentazione dei rifugi potrà evitare la chiusura dei territori montani e la limitazione delle possibilità di frequentarli”.

Ecco le 10 regole

Le 10 regole sono contenute nel “Piano rifugio sicuro” stilato dal Cai su indicazione della Commissione rifugi:

1 – Prenota il pernottamento in rifugio: quest’anno è obbligatorio.

2 – Prima di iniziare l’escursione assicurati di essere in buona salute.

3 – Attendi all’esterno del rifugio le indicazioni del gestore.

4 – Consuma – meteo permettendo – bevande, caffè, torte e pasti veloci all’esterno del rifugio.

5 – Lascia il tuo zaino e la tua attrezzatura tecnica dove appositamente predisposto dal gestore.

6 – Assicurati di avere con te mascherina, guanti e igienizzante a base alcolica; utilizzali quando entri nel rifugio e comunque sempre quando non puoi rispettare la distanza di sicurezza.

7 – Porta con te il tuo sacco lenzuolo o il tuo sacco a pelo per pernottare al rifugio.

8 – Lavati spesso le mani ed utilizza i tuoi asciugamani personali.

9 – Ricorda che il gestore può sottoporti al controllo della temperatura e che, se superiore a 37,5°c, può vietarti l’ingresso al rifugio.

10 – Riporta i tuoi dispositivi individuali di protezione usati e i tuoi rifiuti a valle.

Leggi anche:
Covid-19: in spiaggia no ai giochi di gruppo. E in acqua a distanza di sicurezza
Dove andremo in vacanza nell’estate del Covid-19
Và dove ti porta la montagna
Marche, la destinazione dell’anno (in bici)

Categorie: Altri blog

Dal produttore al consumatore: adotta una mucca a distanza

Mar, 05/26/2020 - 10:13

Per superare la crisi economica innescata dalla diffusione del coronavirus, la Cooperativa Sociale Peralba di Costalta, in provincia di Belluno, ha avuto un’idea creativa e sostenibile per “mantenere vivo un territorio ricco di tradizione ma che richiede continui sacrifici e dedizione massima”.

Così è nata l’iniziativa “Adotta una mucca”: è possibile adottare una mucca a distanza e ricevere, in cambio, ciò che questi animali producono: formaggi e burro, prodotti di alta qualità. Le mucche, infatti, non sono costrette in allevamenti intensivi ma pascolano liberamente nelle montagne della Val Visdende.

Si tratta di una vera e propria adozione a distanza: in cambio, il consumatore, riceverà un attestato di adozione con la descrizione, i dettagli anagrafici e la foto della mucca prescelta, “potrai sapere quando la tua mucca sarà al pascolo in estate, in una delle meravigliose malghe della Val Visdende”.

L’adozione può essere sostenuta per un mese, sei mesi oppure un anno: si tratta di un’iniziativa di mutua cooperazione; in cambio di prodotti caseari genuini, si può aiutare a mantenere in vita una piccola realtà locale e a sostenere i piccoli produttori.

L’iniziativa permette a chi vive lontano dalla natura e immerso per tutto l’anno nei rumori della città, di assaporare prodotti genuini e viaggiare, attraverso i sensi, in una realtà bucolica.

Per questo motivo, il numero di richieste è stato così elevato che tutte le mucche sono state adottate e l’iniziativa, per questo mese, è stata interrotta, per essere rilanciata il prima possibile, nel rispetto dei ritmi naturali delle nostre amiche mucche.

Leggi anche:
Basta fondi pubblici agli allevamenti intensivi: la denuncia di Greenpeace
Zootecnia sempre più green: Ue vieta l’uso preventivo degli antibiotici negli allevamenti
Il burro: meglio giallo o bianco? L’importante è leggere l’etichetta
Carlo Petrini: Cambiare prospettiva per salvare agricoltura e ristorazione

Categorie: Altri blog

Soluzioni fai da te: pulire oggetti in oro e argento con prodotti 100% naturali

Mar, 05/26/2020 - 10:00

Se stai leggendo questo articolo è perché, probabilmente, stai cercando una soluzione naturale per le tue pulizie domestiche. Dal canale YouTube Soluzioni di Casa di Titty & Flavia, scopriremo due semplicissime (ed economiche!) alternative a quei prodotti commerciali chimici che, una volta finiti negli scarichi, contribuiscono ad inquinare il nostro pianeta.

Posate, cornici, gioielli, vecchie bomboniere e oggettistica in generale… un antico rimedio adatto a tutto. Una soluzione davvero semplice per far tornare spendere i nostri oggetti. Cosa serve:

  • Per gli oggetti in oro: aceto bianco, sale fino, una bacinella, panno.
  • Per gli oggetti in argento: bicarbonato, acqua calda, una bacinella, panno o spazzolina.
Fonte: Soluzioni di Casa di Titty & Flavia

Leggi anche:
Detersivo piatti fai da te ecologico
Come pulire casa con rimedi 100% ecologici
Detersivo lavatrice fai da te ecologico con foglie di edera

Categorie: Altri blog

Zoonosi e pandemie: la parola agli esperti dell’Istituto Zooprofilattico di Torino

Mar, 05/26/2020 - 08:18

Ad oggi abbiamo anche, se non delle certezze, delle probabilità molto alte che il passaggio sia avvenuto dal pipistrello come serbatoio al pangolino come veicolatore, per poi arrivare all’uomo.

Di certo sappiamo che si è trattato di un passaggio da animali selvatici a uomo, e si sa anche con certezza che la presenza massiccia di persone in ecosistemi prima indisturbati ha innalzato negli ultimi decenni il numero delle zoonosi, ovvero le infezioni umane di origine animale, come è stato per l’ebola e per l’hiv.

Oltre a queste trasformazioni però è avvenuto, in questo secolo, anche il cambiamento massiccio che ha portato alla produzione agroindustriale moderna. I moderni allevamenti intensivi, o estensivi che siano, ma comunque dove la produzione di carne animale è stata spinta ai livelli massimi. E se l’allevamento estensivo ha dato luogo a deforestazioni e introduzione di popolazioni umane in luoghi prima selvaggi, cambiandone gli equilibri e distruggendo gli habitat, nell’allevamento intensivo è accaduto in passato, con la suina e l’aviaria, per citare le più recenti, che i virus si diffondessero in maniera rapida e difficilmente controllabile.

Le domande che quindi ci poniamo riguardano il mondo degli allevamenti e la trasmissibilità dei virus in essi, per capire se e quali condizioni dobbiamo cambiare per salvaguardare la nostra salute e quella degli animali.

Ne abbiamo parlato con unteam di veterinari della struttura di Biostatistica Epidemiologica e Analisi del rischio dell’Istituto Zooprofilattico di Torino: Dott. Giuseppe Ru, Dott. Walter Martelli, Dott.ssa Cristiana Maurella e Dott. Calogero Trupia; i quali, dopo consulto, hanno risposto alle nostre domande.

Confrontando gli allevamenti intensivi e non, esiste una differenza nella probabilità di introduzione di virus?

“Negli allevamenti a carattere familiare e di piccole dimensioni c’è probabilmente meno attenzione ad evitare l’introduzione di virus; in quelli intensivi è abitudine consolidata prendere precauzioni tali da garantire un più alto livello di guardia. In termini tecnici si parla di misure di biosicurezza che si traducono in pratiche come ad esempio impedire l’entrata di uccelli o roditori, disinfettare gli stivali degli operatori che entrano in allevamento, sottoporre a controllo tutti i mezzi di trasporto, alternare cicli di allevamento con fasi in cui i locali sono svuotati e ripuliti prima di un nuovo ciclo. D’altra parte, gli allevamenti intensivi prevedono anche l’affollamento di un gran numero di animali molto simili tra loro e selezionati non per la resistenza alle malattie ma principalmente per garantire elevati livelli di produzione. Ciò fa sì che, in caso di epidemie introdotte in allevamento intensivo, le conseguenze potrebbero essere catastrofiche.”

Oltre all’allevamento biologico che per sua natura prevede il distanziamento, esistono sistemi di produzione in grado di ridurre il rischio di diffusione di malattie?

“In generale è il progressivo e incontrollato aumento dei consumi di prodotti di origine animale che andrebbe contrastato. Non considerando le abitudini alimentari nei Paesi occidentali, su tutto ciò sta incidendo la rapida espansione della popolazione mondiale accompagnata dal miglioramento della capacità di spesa a livello globale. A fronte di una domanda così elevata, la produzione diventa sempre più efficiente e di larga scala e questo incentiva il proliferare degli allevamenti intensivi. L’allevamento estensivo, se può rappresentare un’alternativa per raggiungere il medesimo scopo, richiede invece lo sfruttamento di nuovi territori con l’occupazione di terre vergini, i disboscamenti, la perdita di biodiversità e il rischio che il contatto con specie animali selvatiche favorisca l’esposizione a nuovi agenti infettivi.”

Quali sono gli effetti delle pandemie animali?

“La circolazione di agenti infettivi non è un evento infrequente, ma non causa necessariamente un’epidemia cioè un aumento repentino dei casi oltre l’atteso. Alcuni patogeni sono diffusi e convivono con i propri ospiti animali senza determinare per i soggetti infetti conseguenze né gravi né letali: in un allevamento la circolazione di un virus potrebbe manifestarsi anche soltanto con un calo delle produzioni. Un patogeno però può subire modificazioni tali da renderlo più aggressivo per la sua specie ospite o può raggiungerne una nuova; in questo caso si può avere una malattia emergente. Se a questo aggiungiamo la normale attività di trasferimento e commercio di animali tra allevamenti, allora c’è anche il rischio più concreto di un’epidemia. La sorveglianza epidemiologica esercitata dai veterinari gioca un ruolo fondamentale. Nonostante ciò spesso non è possibile intervenire tempestivamente ed efficacemente. Per fare un esempio è in corso l’epidemia di febbre suina africana e si verificano periodicamente anche quelle associate all’influenza aviaria. A livello globale le azioni di contrasto sono coordinate da organizzazioni sovranazionali come l’OIE, il corrispettivo animale dell’organizzazione mondiale della sanità.

Quali sono i principali serbatoi animali di malattie per l’uomo?

“Tutte le specie animali sono serbatoi di patogeni ma quando si identificano nuove malattie spesso l’origine è rappresentata da animali selvatici.  Molte zoonosi, ovvero malattie che si trasmetto dagli animali all’uomo e viceversa, come nel caso di quelle dovute ai coronavirus, hanno avuto origine da pipistrelli e roditori: la condivisione dell’habitat da parte degli animali serbatoi e dei futuri ospiti, la possibilità del patogeno di persistere nell’ambiente dopo esser stato disseminato e la suscettibilità al patogeno del nuovo ospite hanno favorito quel fenomeno particolare che viene definito “spillover” e che si può tradurre come il “salto”  da una specie all’altra. La promiscuità tra specie selvatiche e domestiche, indubbiamente, rappresenta il fattore che favorisce il passaggio all’uomo.”

Il modo in cui è prodotta la carne oggi, polli, suini ha contribuito all’aumento della virulenza dei virus? Questo modo di produrre la carne ha contribuito in qualche modo alla comparsa del Covid-19?

“Non c’è un’evidenza che metta in collegamento la comparsa del Covid-19 con gli allevamenti intensivi o di altro tipo, mentre nel caso specifico la presenza di animali selvatici in mercati alimentari può aver giocato un ruolo importante. In generale esistono molti altri coronavirus che colpiscono gli animali, senza però determinare delle zoonosi. Poi ci sono altri patogeni che determinano malattie nelle specie allevate e possono invece colpire anche l’uomo, come è avvenuto in passato per il virus dell’influenza aviaria. Il commercio degli animali allevati e dei loro prodotti, legale o illegale che sia, rappresenta uno dei fattori che ne favoriscono la diffusione locale e internazionale. Per questo limitare la promiscuità tra le specie, diffondere la consapevolezza sulle misure igieniche e sull’importanza della biosicurezza e infine mantenere un buon livello di sorveglianza epidemiologica rappresentano la miglior strategia per prevenire il verificarsi di fenomeni epidemici che mai come oggi sappiamo essere catastrofici.”

Per chi vuole approfondire, a questo link potete trovare alcuni webinar organizzati in tema di coronavirus da parte dell’Associazione Italiana di Epidemiologia

Leggi anche:
Covid-19, visoni contagiati in allevamenti olandesi
Basta fondi pubblici agli allevamenti intensivi: la denuncia di Greenpeace
L’Uk vuole tassare la carne da allevamenti intensivi
Giornata dei Diritti degli Animali, in Italia il 90% degli allevamenti è intensivo

Categorie: Altri blog

Idrossiclorochina: stop ai test | Arrivano i “tagli” sulle pensioni | Superbonus anche alle seconde case

Mar, 05/26/2020 - 06:25

Tgcom24: Spazio, troppi rifiuti in orbita | La proposta: con una tassa meno satelliti e più soldi per la ricerca e l’industria;

Leggo: Luca Parmitano: «Nello spazio sapevo del Coronavirus già da novembre». Poi si corregge: «Il mio lapsus strumentalizzato»;

Il Mattino: Movida a Milano, Sala stringe: vietata la vendita di bibite d’asporto dopo le 19;

Corriere della Sera: Alt del Viminale sugli assistenti civici, poi Conte media: «Nessun compito di polizia». Boccia: «Un aiuto ai sindaci, altro che ronde»;

Il Sole 24 Ore: Test sierologici, ecco come funziona la sperimentazione su 150mila persone – Che cosa accadrà se l’Rt ricomincerà a salire? – Solo 300 nuovi casi e 92 morti in tutta Italia -;

La Repubblica: Oms sospende la sperimentazione sull’idrossiclorochina: “Preoccupati per la sicurezza“. Rep Tv Molinari: “Oms indebolita, ha perso credibilità di fronte a gestione pandemia;

Il Manifesto: Oxfam: «Servono 300 miliardi di dollari per i sistemi sanitari del Sud del mondo»;

Il Fatto Quotidiano: Ex Ilva, incontro governo-sindacati-Mittal ma l’azienda è senza piano. L’ad Morselli: “Pronto tra 10 giorni”. Uilm e Fiom temono il bluff;

Il Giornale: Arrivano i “tagli” sulle pensioni. I calcoli sull’assegno: l’importo;

Il Messaggero: Superbonus anche alle seconde case La Cig verrà estesa. Bonus professionisti, aiuti in due rate per 400 mila: previste tranche di 600 e mille euro. Estate 2020, in hotel con la mascherina, su treni e bus in fila indiana: come viaggeremo Di Maio: «Rischio di tensioni sociali, girerò la Ue per aiutare il turismo».

 
Categorie: Altri blog

La lotta contro Covid-19 ha fermato le morti per influenza

Lun, 05/25/2020 - 18:30

Il numero di casi di influenza, ma anche di altre malattie infettive, è fortemente diminuito rispetto agli anni precedenti.

Stagione influenzale ridotta di 6 settimane

“Le misure di contenimento e separazione fisica per frenare la diffusione del coronavirus hanno apparentemente abbreviato la stagione influenzale nell’emisfero settentrionale del mondo di circa sei settimane“, riferisce Nature.

Di solito, in queste regioni del mondo, l’epidemia raggiunge il picco a febbraio e dura fino alla fine di maggio. Ma secondo i dati di FluNet, un’unità dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) dedicata alla sorveglianza di questa malattia, l’epidemia si sarebbe improvvisamente fermata all’inizio di aprile.

Il 2020 minacciava di essere un anno terribile per l’influenza…

Questa cessazione precoce arriva dopo che i casi di influenza registrati a gennaio – prima dell’epidemia di Covid-19 – sembravano indicare che la stagione influenzale “stava per essere la peggiore degli ultimi decenni”, continua Nature.

Studio a Hong Kong: diminuiti i morti per influenza del 63%

Secondo uno studio pubblicato all’inizio di maggio sulla rivista medica BMJ, la stagione influenzale 2019-2020 a Hong Kong è stata del 63% più breve rispetto alle cinque precedenti e il numero di decessi attribuiti a questa malattia è stato analogamente del 62% inferiore.

Crolla anche il numero di casi di morbillo e rosolia

Lo studio mostra che anche altre malattie infettive come il morbillo e la rosolia sono al livello più basso dal 2016. “Ad aprile sono stati identificati solo 36 casi di rosolia in tutto il mondo”, osserva Nature.

Queste malattie colpiscono particolarmente i bambini, è probabile che la chiusura delle scuole abbia avuto un effetto ancora più importante del distanziamento sociale, secondo Pak-leung Ho, un ricercatore dell’Università di Hong Kong che ha partecipato al lavoro.

Per la rivista scientifica: “Il monitoraggio dell’influenza e di altre malattie infettive aiuta a valutare l’efficacia delle misure di sanità pubblica per arginare la pandemia di Covid-19 “.

“Grazie” al covid-19 molti morti in meno per influenza e morbillo

Ogni anno muoiono solo per l’influenza nel mondo, secondo i dati OMS, in media 650.000 persone, per il morbillo nel 2018 sono morte 140.000 persone, soprattutto bambini. Molte di queste morti (quante sarà possibile determinarlo solo tra qualche tempo) non sono avvenute e non avverranno come effetto indiretto del covid-19 e delle misure adottate per proteggersi dal virus.

Leggi anche:
Il morbillo colpisce due volte: causa “amnesia immunitaria”
Morbillo, la più grande epidemia al mondo è in Congo. Oltre 4 mila morti, 90% sono bimbi

Categorie: Altri blog

Erbe Officinalis: natura da scoprire

Lun, 05/25/2020 - 17:45

Melissa e Menta sono conosciute ma il Lapazio? La Piantaggine? Come usare le erbe officinali e come imparare a conoscerle (spoiler: è questione di esperienza).

flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_376"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/376/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/376/output/Erbe-officinali-umbria.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/376/Erbe-officinali-umbria.mp4' } ] } })

Leggi anche:
Le ricette di Angela Labellarte: fagottini di patate ed erbe aromatiche
I capelli me li faccio color curcuma
L’orto sul terrazzo

Categorie: Altri blog

Scoperta una nuova specie di pianta made in Italy

Lun, 05/25/2020 - 16:30

I ricercatori dell’Università di Camerino, in Abruzzo, hanno scoperto una nuova specie di pianta che ha un’identità tutta italiana e cresce solo in alta quota. In particolare, questa pianta erbacea perenne, si trova nel Parco Nazionale della Majella e appartiene alla famiglia delle Poaceae.

La ricerca è stata recentemente pubblicata sulla rivista internazionale Phytokeys; gli studiosi hanno dimostrato che la pianta più vicina alla Poa Magellensis è la Poa ligulata, che fiorisce in Spagna e Marocco ed entrambe hanno alla base delle “foglie strutture argentee (ligule) particolarmente sviluppate, che colorano di riflessi argentei i cuscinetti di foglie tra le rocce.”

L’estate 2020, all’insegna della riscoperta dei piccoli borghi e dell’importanza del turismo lento e sostenibile, sarà l’occasione giusta per esplorare le montagne abruzzesi e imbattersi in questa meraviglia della natura?

Leggi anche:
Ti ricordi “La vita segreta delle piante”?
Anche le piante fanno musica! (VIDEO)
2020 anno internazionale della salute delle piante

Categorie: Altri blog

Decreto scuola: la notte ha portato consiglio

Lun, 05/25/2020 - 15:00

Il decreto scuola è stato varato nella notte, pare grazie alla mediazione di Giuseppe Conte.

Gli insegnanti saranno a scuola dall’1 settembre a tempo determinato, secondo le graduatorie d’istituto. Successivamente si farà il test scritto.

Un compromesso insomma, tra le richieste della Ministra Azzolina e quelle di Pd e Leu anche se, a volerla dire tutta, la soluzione è più vicina a quelle di questi ultimi, tanto che la Ministra in serata aveva ventilato l’ipotesi di lasciare l’incarico dopo che Conte aveva dichiarato: «Non possiamo spaccarci sulla scuola».

Alla fine comunque contenti tutti: resta la prova per l’assunzione dei 32mila insegnanti precari ma sarà svolta dopo l’estate e in forma scritta, non per quiz. Niente crocette, dunque. Una soluzione, viene fatto osservare dal governo, «Che permette di combattere il precariato garantendo la meritocrazia».

Pace fatta?

Per poter iniziare in tempo l’anno scolastico comunque i 32mila saranno assunti con un contratto a tempo determinato partendo dalle graduatorie di Istituto.

I dettagli non sono ancora stati resi noti ma si è fumato il calumet della pace, almeno per un po’.

«Abbiamo 78mila insegnanti da assumere nel primo e secondo ciclo fra concorsi ordinari e concorso straordinario. Sono numeri importanti e dobbiamo fare presto», ha dichiarato la Ministra dell’Istruzione anche se la sua richiesta di fare subito il concorso a quiz non è stata accolta.
E non sono state ancora fissate le successive date del bando ordinario per medie e superiori e quelle per la prova per l’infanzia e la primaria.

Insomma, i problemi della scuola durante e dopo la pandemia sono molti, ancora non sono chiare le modalità con cui i nostri ragazzi torneranno tra i banchi, che ruolo avrà la didattica a distanza… e così via.

Aspettiamo fiduciosi certi (?) che a settembre sarà tutto risolto e chiarissimo perché senz’altro gli studenti non sono imbuti.

Leggi anche:
Prima le biciclette, poi le auto: il decreto rilancio modifica il codice della strada
Covid-19, i disabili e le loro famiglie dimenticati

Foto di 潜辉 韦 da Pixabay 

Categorie: Altri blog