Yoga demenziale: IL SORRISO

 

Yoga demenziale pillola 1: il sorriso

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie


Pillole Yoga demenziale: il sorriso seconda parte

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie


Un racconto erotico sumero di più di 5000 anni fa

La storia di Inanna, la dea sumera dell’amore

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Leggi anche:
Inanna la Dea dell’amore – prima parte
Inanna la Dea dell’amore – seconda parte
Cos’era la società matriarcale – prima parte
Cos’era la società matriarcale – seconda parte
Cos’era la società matriarcale – terza parte

 

Categorie: 

Gli italiani sono pigri, i puffi sono matti, russi struzzi e Trump stringe la mano a tutti

A volte mi scopro, incredibilmente, orgoglioso di essere italiano.

«Gli italiani, sappiamo come sono, per loro ogni scusa è buona per chiudere tutto, interrompere il lavoro e fare una lunga siesta». Lo ha dichiarato Christian Jessen, presentatore televisivo britannico.

Ma gli inglesi hanno altro da fare visto che Sir Patrick Vallance, autorità medica governativa, ha affermato: «Il 60% dei britannici dovrà contrarre il Coronavirus per sviluppare l’immunità di gregge»: Boris lo ha supportato dichiarando: «Perderemo molti nostri cari!». La scelta degli inglesi è di non fermare nulla e far finta di niente. Tipicamente inglese. Ti ricordi “Il discorso del re”? Roba tipo: avrete sangue, sudore e polvere ma alla fine vinceremo.

Beh, loro l’impero non l’hanno costruito lesinando sulla vita dei soldati. In questo caso si sacrificano gli anziani per non fermare il business.

E qualche maligno britannico crudele ha aggiunto che perdere qualche centinaio di migliaia di anziani e malati sarebbe positivo per l’economia.

Se in Italia qualcuno avesse detto qualche cosa di simile ci sarebbe stata una rivolta.

A volte mi scopro, incredibilmente, orgoglioso di essere italiano. E questo sentimento è un virus patriottico che sta diffondendosi alla svelta. Anche perché, incredibile dirlo, il nostro governo è stato tra i più veloci a reagire. 
Continua a leggere...

 

Categorie: 

Neanche la peste bubbonica ci ha sterminati, figuriamoci questo invertebrato del corona!

Un po’ di ottimismo fa bene alla salute

Le misure prese dal governo sono indispensabili perché se si arrivasse a centinaia di migliaia di contagiati e a decine di migliaia di ammalati gravi il sistema sanitario crollerebbe. Non esiste una nazione al mondo che possa mettere in terapia intensiva 100mila persone cioè il numero di abitanti di una città come Ancona!

Ma siccome il pessimismo fa più male delle patatine fritte con l’olio industriale, perché lo stress indebolisce il sistema difensivo dell’organismo, va chiarito che questa pandemia ha un basso tasso di decessi, imparagonabile con le mega epidemie del passato.

Ma anche le peggiori pandemie non sterminarono tutti, come molti credono! No! Siamo tostissimi! Anche quando incontriamo virus che il nostro sistema immunitario non conosce e non abbiamo neanche medicine specifiche e vaccini le nostre difese riescono, nella maggioranza dei casi, a far fuori l’invasore merdoso!

Epidemie terribili, come quella della peste nera, con altissimi livelli di mortalità e di contagio, uccisero solo il 30% della popolazione. E questo avveniva 700 anni fa, nel Medio Evo. La maggioranza della popolazione è sempre sopravvissuta a tutte le pandemie pur non avendo difese specifiche perché abbiamo comunque un sistema di difesa meraviglioso che riesce a contrastare perfino i virus più cattivi e prenderli a sberle!
Continua a leggere...

 

Categorie: 

Perché i numeri sulla mortalità dei contagiati sono esagerati ma il coronavirus è comunque veramente pericoloso

Comprensibilmente è scoppiata la paura. E a ragione il governo ha imposto dure restrizioni ai contatti.

Ma nella foga di tenere le persone a casa si stanno diffondendo dati inutilmente allarmistici e spaventosi.

I dati ufficiali sono discordi, si parla di un 2-3 per cento di letalità, cioè muoiono 2 o 3 persone su 100 contagiati. Ma girano anche numeri più alti; in effetti 827 morti (a oggi 12 marzo) su 12.400 contagiati vorrebbe dire una letalità intorno al 6%, ma questo dato non ha nessun senso.
Infatti, come spiegano molti virologi, il numero delle persone contagiate ufficialmente è falsato in quanto NON vediamo tutti i contagiati reali! Si calcola che solo il 20% dei contagiati (1 su 5) sviluppi sintomi. Quindi moltissimi contagiati non se ne rendono conto. Soltanto se fanno il tampone si può sapere se hanno il virus. Ma il tampone viene effettuato solo su persone sospette di aver avuto contatti con malati (infermierimedici, famigliari, amici).

È parere diffuso tra i medici che siano quindi MOLTI di più. Il tasso di letalità ufficiale è perciò più basso del semplice rapporto tra contagiati scoperti e decessi proprio perché si fa la tara sul numero dei contagiati che stanno benissimo e non sono entrati in contatto con ammalati e non sono stati scoperti.
Continua a leggere...

 

 

Categorie: 

Creiamo una catena di solidarietà comica, artistica e amorevole

450 volontari sono al lavoro. Vogliamo segnalarti il meglio di quel che succede fuori e dentro la rete.

Stiamo attraversando un momento durissimo, drammatico, che però ha fatto germogliare in moltissime persone il desiderio di reagire, di dare un senso a questo isolamento.

Un movimento spontaneo talmente esteso che sta mandando in tilt le connessioni (prova a caricare un video su FB se ci riesci…).

Centinaia di migliaia di persone stanno pubblicando e realizzando dirette: poesietutorial, video, meme, vignette, racconti… Una ricchezza creativa mai vista…

Il nostro obiettivo è valorizzare le cose migliori dando loro visibilità.

Sono giorni strani, gravi, pesanti e a volta angoscianti. Sappiamo che il momento non è semplice, ne siamo consapevoli, ma occorre anche pensare positivo.
L’Italia intera si sta riempiendo di arcobaleni colorati dai bambini e messi sui balconi. Un simbolo di speranzaandrà tutto bene!

Cogliamo la necessità di alleggerire il momento lanciando l’idea di creare un contenitore in cui si possa trovare il modo per sorridere, distrarsi, riflettere, leggere, vedere e tanto altro e chiediamo l’aiuto della rete.
Continua a leggere...

 

Categorie: