13 ottobre 2017 - Torino: Omaggio a Dario Fo e Franca Rame

Dogs versus Cats

I cani sono più intelligenti dei gatti, dice una ricerca di Frontiers in Neuroanatomy che ha contato i neuroni corticali del cervello scoprendo che i cani ne hanno molti di più dei gatti: 530 milioni contro 250.
Sì, va beh, ma i gatti sono più furbi.
(Fonte: Repubblica)

(..) Continua a leggere CACAO


Storie di ladri

Straubing, Baviera. Sale sul tetto di un supermercato per entrare dalla finestra e invece il soffitto cede e fa un volo di sei metri cadendo tra le corsie.
Miracolosamente illeso ha preso un carrello e ha sfondato la porta di vetro per uscire.
Ora cerca lavoro come stuntman.
(Fonte: Corriere)

(..) Continua a leggere CACAO


Le allucinazioni aiutano a vivere meglio

di Jacopo Fo

Faccio parte di una razza in via di estinzione, che diventa anche difficile da definire perché le parole sono state consumate e mal utilizzate: io sono comunista.
E alla mia veneranda età sono arrivato alla conclusione che le persone di destra sono fondamentali, non è possibile vivere in una società senza quelli di destra perché quando hai un problema in alcuni casi ti serve uno di destra.
In tutte le famiglie c’è uno di destra a cui ti rivolgi quando hai un problema e non sai come fare: l’assicurazione, ti si è rotto il trapano… quello di destra te lo aggiusta, perché è fatto in un’altra maniera.
Negli Usa hanno fatto un esperimento - da loro è facile perché sono democratici e repubblicani – e hanno scoperto che davanti a un problema pratico tipo: come fare a svitare il rubinetto di un lavandino, quello di destra usa un altro sistema, abbiamo proprio un meccanismo per cui l’associazione mentale che segue una persona progressista e vuole avere un presidente nero è diversa dal meccanismo che usa uno di destra.
Schindler era nazista, non era buono, poi possiamo discutere sul fatto che i nazisti buoni erano davvero pochi ma c’erano. E sono quelli che hanno salvato più ebrei perché erano più efficienti. Quando un nazista si metteva in testa di fare una cosa è duro come il marmo, è una sicurezza.
Dobbiamo avere gente di destra con noi sennò è un disastro! Poi continueremo a dire che non capiscono un cavolo ma questo è un altro paio di maniche, servono!
Ecco che se si comincia a ragionare in questa maniera il rapporto con le cose scivola. Alcatraz esiste grazie a un fascista. Dovete sapere che io faccio parte di una famiglia di rompiscatole che non hanno mai smesso di parlare. Se la sono presa con tutti: con la sinistra, con la destra, coi cristiani, coi buddisti, con tutti e a un certo punto si è formata una coalizione di persone che volevano chiuderci. All’interno di questo gruppo c’erano i Verdi, i comunisti, i socialisti, gli anarchici… e tutti erano d’accordo nel farci chiudere e per farlo avevano escogitato un sistemino truccato, sapete come funziona il potere locale.
A questo punto sono andato da uno che era fascista e che sapevo che era onesto e gli ho detto: “Questi sono i documenti, se mi deve chiudere qualcuno voglio almeno la soddisfazione che sia un fascista di merda come te, ma tu hai due disgrazie: una che sei un fascista e l’altra è che sei onesto ed è la combinazione peggiore che ti possa capitare. Quindi leggi ste carte e se devo chiudere me lo dici te e vaff… oppure devi intervenire nell’assemblea regionale e dire che ho ragione io”.
E questo ha letto tutto e mi ha dato ragione. Quando è andato in Regione dicendolo, gli altri se la sono fatta sotto: non si era mai visto che un fascista desse ragione alla famiglia Fo.
E non solo, mio padre ha ringraziato un fascista che lo ha nascosto quando era disertore e mia nonna quando ha dovuto nascondere il figlio da chi è andata? Da un fascista dicendo: “A casa tua certamente non lo cercano”. E lui l’ha nascosto. E il giorno dopo il 25 aprile mio nonno girava per il paese a fermare quelli che fingevano di essere comunisti o partigiani e che sparavano al vicino di casa.

Vi consiglio di vedere A Beautiful Mind, la storia di John Nash, vincitore del Premio Nobel, un matematico che scopre la teoria del caos e che scopre anche di essere fuori di zucca e per guarire inizia a prendere alcune medicine. Ma questi farmaci hanno tremendi effetti collaterali: non riesce più a fare l’amore e a concepire niente di creativo e quindi cosa fa? Mappa la sua follia.
E io chiedo a voi se nella vostra vita vi siete mai messi a mappare la vostra follia. Sapete se avete una qualche follia o il vostro cervello funziona in maniera perfetta?
La scena finale del film mostra Nash reintegrato all’università che esce dall’aula con tutti gli studenti attorno quando arriva l’incaricato dell’Accademia di Svezia. Nash sta parlando con una studentessa quando questo funzionario molto distinto gli si avvicina e gli chiede se può parlare con lui per qualche minuto
Il Professor Nash lo guarda, si gira verso la ragazza e chiede: “Lo vedi anche tu?” e lei risponde: “Certo, professore, lo vedo anche io” e solo allora Nash si rivolge all’incaricato: “Mi dica pure”.
E il giorno della premiazione a Stoccolma davanti a sé vede tutte le allucinazioni.

A un certo punto della mia vita ero in una situazione economica disastrosa e mi sono reso conto che non sono in grado di fare i conti, se ora devo fare un progetto prima faccio un businnes plan perfetto, poi siccome so che è sbagliato moltiplico le spese per quattro, divido per quattro i ricavi e moltiplico per quattro i tempi di realizzazione, dopodichè cerco qualcun altro che lo faccia.
Perché so che non sono capace.
Ho delle allucinazioni, leggo il mio progetto e dico: è geniale, ma non è vero, sono informazioni che ho truccato. E da quando faccio così le cose funzionano meglio perché mi affido a qualcuno che ha un altro tipo di allucinazione ma non ha la mia.
La vita è l’arte dell’incontro, dobbiamo mettere insieme delle equipe sapendo che ognuno è psicoleso.
Lavoro con una rete di 60 persone, tutti professionisti meravigliosi, con un unico problema: non possiamo fare un’assemblea perché si ammazzano tra di loro. Tutti i rapporti sono telefonici a due a due. Ci sono 10 persone che gestiscono i rapporti tra 20 persone che non si vogliono parlare.
Se lo sai, sai che hai il reparto psicotici, quello degli interpreti che comunque hanno un danno grave perché hanno la mission di mettere d’accordo la gente e non ci si riesce.
Il prodotto di queste due follie funziona perfettamente, basta trovare un punto di equilibrio.
Abbiamo fatto delle missioni pazzesche in Mozambico, in mezzo alla giungla; le nostre truppe hanno operato col teatro comico per salvare delle vite. Io non ci sono andato in Mozambico perchè ho paura e tutti a chiedermi come avevo fatto a gestire quel progetto senza andarci. Come? Perché ci sono altri psicotici che ci sono voluti andare e pensano che sia carino fare un’esperienza lì. E’ una forma di malattia mentale che è utilissima a chi come me non vuole uscire dalla cerchia dell’Occidente e comunque non troppo lontano da un ristorante dove si fanno degli spaghetti decenti perché ho gravi problemi alimentari e altrimenti mi deprimo.
(Continua)


Tutta Casa Letto e Chiesa

Il 25 ottobre è stata la giornata internazionale contro la violenza sulle donne e lunedì scorso Rai 5 ha ricominciato a trasmettere le puntate di Dario Fo e Franca Rame – La nostra storia proprio nella puntata in cui si parla della violenza subita da Franca ad opera di un commando di fascisti.
Una brutta storia che ha segnato profondamente Franca e che lei ha voluto raccontare al suo pubblico che è sempre stato la sua più importante forma di terapia.
Nella puntata che andrà in onda il prossimo, lunedì 4 dicembre, si continua a parlare di quel monologo e anche di altro: l’intera puntata è dedicata a Franca e si raccontano gli spettacoli Tutta Casa, Letto e Chiesa e Parliamo di donne che potete acquistare integrali qui.
(..) Continua a leggere CACAO del Sabato


Un calendario dell’Avvento stupefacente

Ogni giorno dal 1 dicembre a Natale si apre una casellina del calendario e dietro c’è un piccolo regalo: caramelle, cioccolatini ecc... E’ il calendario dell’Avvento.
Quest’anno una novità per gli adulti: ogni casellina nasconde un biscotto, un pancake o qualsiasi altro dolcetto con dentro un ingrediente in più: un po’ marijuana. QB.
Ahh... dimenticavo, solo in Canada ma magari vale il viaggio.
(Fonte: Bnn.ca)

(…) Continua a leggere CACAO di oggi


Spenti i semafori il traffico scorre

Qualche tempo fa un corto circuito ha fatto spegnere i semafori nella zona della stazione centrale di Napoli. Come per magia il traffico di solito congestionato ha iniziato a scorrere agevolmente. A questo punto il vigile Marraffino si è fatto un paio di domande e si è dato pure le risposte. Ha fatto domanda all’assessorato alla Mobilità e ha ottenuto che i semafori della zona restino spenti dalla 7 alle 19.
Basta poco, che ce vo’!
(Fonte: Corriere.it)

(…) Continua a leggere CACAO di oggi