Com’è possibile che in Messico e in Etiopia esistano due statue identiche scolpite millenni fa?

Smascheriamo le fake news sulle origini de mondo

Gira nel web questa scoperta incredibile: una testa di pietra olmeca, enorme, è stata trovata in Etiopia a migliaia di chilometri di distanza.
Come ha fatto ad arrivarci migliaia di anni fa? In realtà ci è arrivata pochi decenni fa in nave, dono del Messico.
Incredibile che nella foto pubblicata dai fans degli UFO ci sia pure la targa che lo dice. Bastava leggere.
Veramente incredibile come nascano bufale che poi non si riescono a fermare. Questo è il secondo racconto di una serie di fantasmagorici fake orchestrati da alcuni furbastri che speculano sull’idea che l’umanità sia stata “creata” tramite manipolazione genetica sulle scimmie da alieni sbarcati sulla Terra decine o centinaia di migliaia di anni fa.
Mi sono già occupato della questione, relativamente alle piramidi, nel libro: “La grande truffa delle piramidi. Non le hanno costruite né i faraoni né i marziani

Vedi articolo riassuntivo qui: https://www.ilfattoquotidiano.it/2013/07/27/bugie-sulle-piramidi/666995/

 


Una bicicletta scolpita secoli fa in un tempio Balinese? Alieni sulla Terra nell’antichità?

Smascheriamo le fake news sulle origini de mondo

Stupefacente quanto sembra una bici. Infatti è una bici! Sono molte le sculture moderne inserite nel restauro di antichi tempi e chiese.
Veramente incredibile come nascano bufale che poi non si riescono a fermare.
Prosegue il racconto di una serie di fantasmagorici fake orchestrati da alcuni furbastri che speculano sull’idea che l’umanità sia stata “creata” tramite manipolazione genetica sulle scimmie da alieni sbarcati sulla terra decine o centinaia di migliaia di anni fa.
Mi sono già occupato della questione, relativamente alle piramidi, nel libro: “La grande truffa delle piramidi. Non le hanno costruite né i faraoni né i marziani

Vedi articolo riassuntivo qui: https://www.ilfattoquotidiano.it/2013/07/27/bugie-sulle-piramidi/666995/

 

Categorie: 

TERRITORI RINATI - ITALIA MINIERA URBANA

 

TERRITORI RINATI. BONIFICHE E FINE DELLE CAVE

Ecobonifiche nei luoghi inquinati a terra, come ecodragaggi delle acque inquinate, insieme per riprenderci il territorio distrutto dagli inquinamenti. Porre fine alle cave recuperando gli oltre 4 miliardi di m3 di materiali che ingombrano i bacini del paese sottraendo energia idroelettrica, protezione dalla siccità e dalle alluvioni. Primo incontro nazionale dei comitati locali delle aree inquinate.

11.30

ITALIA MINIERA URBANA: RASSEGNA E PRIMO INCONTRO DEI CAMPIONI DI RACCOLTA, RIUSO, IMPIANTISTICA E TARIFFE POPOLARI

Recuperare l’umido con attenzione per compostarlo nei piccoli comuni o farci biometano in quelli più grandi. Raccogliere e fare record certo, ma facendo impianti e fermando il turismo da rifiuti urbani. Le sanificazioni senza inquinare, le autoproduzioni di disinfettante, il robot sanificatore.

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie


TUTTE LE NUOVE CURE PER LA PANDEMIA, PRIMA, DURANTE E DOPO

 

TUTTE LE NUOVE CURE PER LA PANDEMIA, PRIMA, DURANTE E DOPO

RELATORI: Rosaria Ferreri (Virologo, medico omeopata C.Med. Integr. ASL Toscana SudEst), Paolo Cunial (Espero Ventilazione), Giuseppe Bon, Roberto Galli, Salustino Wong (Maestri Tai Chi)

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie


NO AL PONTE SULLO STRETTO, SÌ ALLE AUTOSTRADE DEL MARE

 

Grandi opere sì, ma quelle giuste e tra queste ritornare in mare per spostarsi lungo tutta la penisola. Meglio raggiungere la Sicilia solo con un ponte dalla Calabria oppure con cento rotte al giorno, da ogni parte d’Italia?

RELATORI: Roberto Roasio (Ecomotive Solutions), Mauro Coltorti (pres. Comm. Trasporti Senato), Giuliano Gabbani (Resp. Scient. GIGA), Piero Formica (Maynooth University, Irlanda), Fabio Roggiolani (Ecofuturo), Elio Ruggeri (Snam Head of Global LNG)

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie


110 BUONE RAGIONI PER UN ECOBONUS

 

Se ve la siete persa...

Proposte chiavi in mano per fare di un edificio sprecone, costoso ed insicuro il suo esatto contrario.

La legge più importante mai approvata da un governo mondiale per ristrutturare green e per alimentare gli edifici con fonti di energia rinnovabile e democratica. Aziende e tecnologie su tutte le materie che vi consentiranno di fare bene, fare presto e curare il pianeta. La legge Fraccaro fa dell’ecologia non più una questione per chi può ma per chi ha semplicemente voglia di cambiare sul serio.

RELATORI: Riccardo Fraccaro (Sottosegr. Presidenza del Consiglio dei Ministri), Jacopo Fo (attore, scrittore, artista), Riccardo Bani (Veosgroup – Pres. ARSE), Averaldo Farri (ZCS Azzurro), Marco Mari (V.Pres. GBC Italia), Tony Trevisi (Cons. Reg. Puglia), Agostino Re Rebaudengo (Asja Ambiente)

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie


Anno 1.100, la prima descrizione dell'orgasmo femminile

 

Anno 1.100, una suora, Ildegarda di Bingen, descrive l'orgasmo femminile. Parte dalla lettura di questo testo il mio racconto sulla nascita della paura del sesso nel cristinesimo. Ad esempio lo sai che S. AMBROGIO ERA CONSIDERATO UN PERICOLOSO FEMMINISTA?

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie


Vuoi comprare un appartamento o un intero casale nell’Ecovillaggio Solare di Alcatraz?

Oggi molte persone stanno ripensando il futuro.
Le nuove tecnologie permettono a sempre più famiglie di lasciare le città per vivere in mezzo alla natura.
Io ho fatto questa scelta 40 anni fa, sicuramente una svolta fortunata nella mia vita.
Non ho trovato il paradiso in terra, non è nata una grande famiglia ecologica, non è stato tutto perfetto e le difficoltà sono state molte.
Ma oggi in questa valle, nei dintorni di Alcatraz, vivono più di 200 persone, la metà immigrati come me. Non è una comunità nel senso stretto del termine ma ho trovato grandi amicizie e quando ci sono stati problemi tutti gli abitanti si sono mobilitati dimostrando una notevole capacità di coesione. Tanti anni fa tentarono di costruire qui un inceneritore e a bloccare la strada all’alba ci trovammo tutti, ma proprio tutti, dai neonati ai vecchissimi.
Oggi quella battaglia è ormai vinta e queste colline sono protette in quanto Sito di Interesse Comunitario (SIC) o come Area Agricola di Pregio, dove è interdetta anche l’attività agricola di tipo industriale.
Il fatto che qui si sia sviluppata una collaborazione, anche lavorativa, tra una decina di agriturismi, parchi didattici e scuole d’arte, che ci sia una struttura di coworking, che qui vivano professionisti, agricoltori, artigiani, webmaster, giornalisti e artisti, rende sicuramente questa zona diversa da altre. Un conto è trasferirsi in campagna in un posto qualsiasi, un conto è scegliere una zona dove c’è una popolazione, diciamo così, più vivace e interessata al cambiamento, alla cultura, alla collaborazione e all’ecologia. Non è poco.
Chiarisco subito che la nostra idea di Ecovillaggio non prevede né la convivenza, né l’adesione a particolari comportamenti, fedi o ideologie.
La nostra idea è che sia oggi possibile e necessario sviluppare nuovi paradigmi abitativi, nuovi stili di vita, più in sintonia con la natura, e possibilmente anche qualche (timido) esperimento di economia circolare. Invece di costruire ognuno la sua piscina si potrebbe realizzarne una collettivamente. Forse.
Non siamo in grado di offrire un lavoro a chi si trasferisce qui, ma la vivacità delle iniziative e delle imprese attive in valle offrono alcune opportunità.
Altro vantaggio è il costo della vita, meno cara che in una grande città; se poi hai la passione per l’orto e per il fai da te i tuoi costi diminuiscono ulteriormente, e se ti dà gusto puoi integrare il tuo reddito barattando come qui fanno molti o partecipando al mercatino itinerante che raccoglie molte delle centinaia di persone che abitano la zona tra Gubbio, Assisi e Perugia (siamo al centro di questo triangolo). C’è poi la qualità dei servizi pubblici, dal pulmino che viene a prendere i figli per portarli a scuola, all’inesistenza delle code negli uffici pubblici, alla capillarità dei trasporti al buon funzionamento della sanità pubblica. Siamo in mezzo ai boschi umbri ma non siamo lontani dalla città: venti minuti dall’aeroporto di Perugia e dalla stazione ferroviaria, dodici minuti da posta, farmacia, banca e supermercato, a mezz’ora dal pronto soccorso.

Insomma mi sembra che se hai intenzione di abbandonare la città e stai cercando un posto che faccia al caso tuo potresti prendere in considerazione di acquistare una casa nell’eco villaggio nel parco di Alcatraz (è possibile anche trasferirsi qui affittando un’abitazione, noi non abbiamo questa possibilità, ma in zona ci sono ancora alcuni appartamenti sfitti).

Qual è la nostra idea?

Per Ecovillaggio intendiamo innanzi tutto colline coperte da boschi e oliveti, un parco di 4 milioni e mezzo di metri quadrati, lontani da vie trafficate e attività industriali. In questa valle da 40 anni viviamo e abbiamo creato la Libera Università di Alcatraz. Abbiamo poi restaurato o costruito 4 casali, ci sono una decina di ruderi e l’autorizzazione a costruire alcune altre abitazioni, piccole costruzioni che si inseriscono armonicamente nel verde tutto intorno.
La nostra idea non è quella di dire alle persone come devono vivere o abitare ma di metterci a disposizione di chi ha progetti e sogni.
È possibile acquistare un rudere e ristrutturarlo come si preferisce (nel rispetto ovviamente delle norme vigenti); oppure è possibile acquistare una casa al grezzo, oppure un appartamento in classe energetica A, con materiali ecologici, pronto per essere abitato immediatamente. È possibile essere completamente indipendenti e acquistare oltre alla casa una porzione di boschi e oliveti oppure aderire alla proprietà collettiva di alcuni spazi verdi e strutture sociali.
È possibile comprare un appartamento di 60 metri quadrati oppure spazi più grandi, da 100, 200 fino a 1.000 o più metri quadrati.
I prezzi vanno dai 600 euro al metro quadrato per i ruderi a 1.200 euro al metro quadrato per abitazioni in classe energetica F, che poi l’acquirente potrà elevare migliorando l’efficenza energetica con successivi interventi, fra i 2.500 e i 3.000 euro al metro quadrato per appartamenti in classe A.
Il prezzo dei terreni va, a seconda delle tipologie, pascolo, bosco giovane, alto fusto, oliveto, dai 5.000 ai 10.000 euro a ettaro (diecimila metri quadrati).

Per informazioni info@ecovillaggiosolare.it
oppure visita www.ecovillaggiosolare.it

 


Stampe d’Arte di Dario Fo

Le stampe d’arte ad altissima definizione di Dario Fo, la cui vendita finanzia il Nuovo Comitato Il Nobel per i disabili Onlus.

La vendita di queste stampe di Dario Fo, ispirate alla sua carriera artistica e teatrale, finanzia il “Comitato Un Nobel per i disabili”, una Onlus fondata da Dario Fo e Franca Rame il 28 settembre 1998 per devolvere a favore del mondo della disabilità il denaro del premio Nobel per la letteratura vinto nel 1997 (1.650.000.000 di lire).
Pur trattandosi di una cifra considerevole ci si accorse fin da subito che sarebbe servito di più, molto di più. In Italia i disabili sono più di sette milioni e spesso le Istituzioni non sono in grado di garantire loro una assistenza adeguata.
La vendita di queste stampe permette al Comitato di continuare il suo lavoro: fino ad oggi sono stati donati 39 pulmini Volkswagen attrezzati, ad altrettante associazioni, oltre a medicine, computer, carrozzine e ausili necessari per affrontare la vita di tutti i giorni.

Clicca qui per vedere tutte le stampe d’arte in vendita

Categorie: 

Vuoi comprare un’auto con me?

Gruppo di acquisto auto ibride, elettriche a gas

I gruppi d’acquisto per non essere acquirenti passivi

Consociare gli acquisti è uno strumento fondamentale per migliorare il mondo. Si parla tanto di cambiare il paradigma per affrontare il drammatico momento di cambiamento che stiamo vivendo. Ecco non essere più consumatori isolati sottomessi alla volontà delle multinazionali è un modo per cambiare le carte in tavola.

La sfida che ci sta davanti rende indispensabile che i consumatori autogestiscano una parte del sistema di acquisti. Non più acquirenti passivi, in balia delle offerte di mercato e degli aumenti di prezzo dovuti ai costi di pubblicità e distribuzione che alla fine ricadono sulle tasche dei consumatori.

Far parte di un gruppo di acquisto è semplice ma ci permette di far valere il nostro potere di acquisto: forse lo strumento più potente in mano oggi ai cittadini.

 

Uno strumento per difendere i consumatori

Siamo in un momento di grandi cambiamenti e i gruppi di acquisto sono uno strumento formidabile per difendere i consumatori, ottenere cioè prezzi più bassi e maggiori garanzie. Ma sono anche uno strumento per determinare le scelte della grande industria.

I Bilanci di Giustizia, storico gruppo che ha consociato da anni gli acquisti primari (sopratutto alimenti), ha calcolato un risparmio annuo per ogni famiglia pari a uno stipendio mensile.

Quanto risparmierebbe una famiglia se riuscissimo a consociare le spese per servizi (gas, luce, telefonia, connessione) beni di consumo e acquisto di beni durevoli (auto, elettrodomestici ecc)?

 

Il gruppo d’acquisto per le auto

Ma facciamo un passo per volta, se vuoi comprare un’auto ibridaelettrica o a gas o trasformare in un’ibrida a gas la tua auto a benzina puoi farlo beneficiando di prezzi e condizioni particolari. L’auto la compri tu, è tua, ma le condizioni sono collettive e sicuramente sono le migliori che puoi ottenere oggi. Per offrirti questo risultato abbiamo stretto un accordo con Il Gai, Gruppo d’Acquisto Ibrido, che da anni ha un’esperienza di successo e ha permesso a più di 1.500 persone di comprare un’auto a condizioni vantaggiose. L’esperienza è stata positiva anche dal punto di vista del rapporto successivo all’acquisto con la concessionaria: se si verifica qualsiasi tipo di problema far parte di un gruppo che acquista centinaia di autovetture è ben diverso che trovarsi a trattare da soli con il concessionario…

 

Iscriviti al gruppo d’acquisto. È facile!

E’ molto semplice iscriversi al gruppo d’acquisto auto, basta compilare questo form > www.gruppoacquistoibrido.it

Se poi acquisterai un’auto con il gruppo d’acquisto tramite People for Planet avrai gratuitamente un disegno originale a colori di Jacopo Fo della serie “Animali Fantastici”. Basterà che ad acquisto avvenuto tu ci invii una email a info@alcatraz.it indicando il numero della targa e ti invieremo il disegno a casa per festeggiare!