Roma

Eroi a Roma

Il ladro si è presentato alle casse del Carrefour in piazza delle Conifere a Roma armato di mannaia. E’ riuscito a farsi dare 400 euro dalle cassiere ma poi fuori ha trovato un ragazzo africano che chiedeva l’elemosina e che lo ha disarmato e ridotto a un pizzico.
Arrestato, pare che il ladro abbia dichiarato: “Aiutiamoli a casa loro, cazzo!”
(Fonte: Repubblica.it)

Continua a leggere CACAO


La Regata Riciclata

Lo scorso 17 settembre si è svolta l’ultima giornata del progetto “Fai La Differenza, c’è… Re Boat Roma Race", un festival dedicato all’ecosostenibilità ambientale.
Sono bastati pochi ingredienti - ventidue imbarcazioni realizzate con oggetti di recupero e a impatto zero, circa ottanta partecipanti, un lago in zona Eur e tanto entusiasmo - per far divertire e al contempo sensibilizzare i cittadini della Capitale sui temi dell’ambiente e della raccolta differenziata.
(Fonte: regatariciclata.it)

Leggi CACAO di oggi


Siccità: non piove, Raggi ladra! (Ma il cambiamento climatico cosa c’entra?)

Siccità: non piove, Raggi ladra! (Ma il cambiamento climatico cosa c’entra?)
Sinceramente sono scioccato dal cumulo di informazioni sbagliate a proposito della siccità. Da una parte è tutto un rimpallo di responsabilità: è colpa di Acea se Roma avrà l’acqua razionata, è colpa di qualcun altro se molti comuni laziali sono già al razionamento. Dall’altra parte, sembrano tutti d’accordo sul fatto che il colpevole numero uno sia il cambiamento climatico.
Anche molti ecologisti lo dicono. E anzi, sembrano proprio contenti che alla fine sia chiaro a tutti che è necessario smetterla di bruciare petrolio e carbone inquinando il mondo. I fatti ci danno ragione, evviva!
Le cose non stanno così.
Fermo restando che se non vogliamo che la vita umana su questo ridente pianeta finisca, dobbiamo cambiare sistema: il disastro della siccità è figlio solo in parte del cambiamento climatico. Il centro della questione in questo caso è un altro: il nostro sistema idrico è a pezzi.
CONTINUA A LEGGERE SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO

 

Categorie: 

Un Nobel con il pennello

Due nuove mostre di Dario Fo e Franca Rame:

“Dario Fo, un pittore recitante”, dal 16 giugno al 24 luglio presso l’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna, Viale Aldo Moro 50, 40127 Bologna.
La mostra conterrà 28 opere di vari periodi del percorso artistico di Dario Fo: da un autoritratto del Premio Nobel a un toccante ritratto che Fo fece della moglie Franca Rame, poi ancora un trionfo di figure umane color pastello che, con tratto dolce e tinte allegre, raccontano dell’umanità, del bene e del male e in estrema sintesi della voglia di vivere che ha sempre accompagnato il Maestro dentro e fuori il palcoscenico e nelle sue tele.

 

“Cantate, uomini, la vostra storia”, dal 14 giugno al 14 luglio 2017 presso la Sala Alessandrina dell’Archivio di Stato di Roma.
“L’opera di Dario Fo e Franca Rame va oltre il teatro per farsi arte condivisa in virtù di un impegno e un'attenzione costanti alle tematiche sociali per la difesa dei più deboli. L'attualità delle tematiche da loro trattate è drammaticamente evidente.”

Categorie: 

La zuppa l’è cotta!

Se siete in giro per Roma, domenica 9 aprile potete passare dal Casale Garibaldi per il Festival Internazionale della Zuppa.
La zuppa è un piatto presente in tutte le tradizioni culinarie del mondo, quasi un filo conduttore che lega tra loro geografie distanti, sottolineando i tratti comuni tra culture locali e allo tempo stesso la loro unicità. Questa decima edizione è dedicata a sostenere il movimento “Non una di meno”.
Volete portare la vostra zuppa? Volete assaggiare quelle degli altri? Tutte le informazioni qui

LEGGI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI CACAO DI OGGI


Dio è nero (E Gesù è un profugo siriano)

Carissimi,
vi proponiamo in anteprima il testo guida della mostra: Dio è nero (E Gesù è un profugo siriano) di Jacopo Fo, dal 7 al 20 aprile a Roma, presso la galleria Monogramma
Arte Contemporanea
- via Margutta 102 – 00187 - Roma - www.monogramma.it - infomonogramma@gmail.com
Nelle foto un bozzetto originale delle opere in esposizione.
Buona lettura.

Dio è nero (E Gesù è un profugo siriano)
di Jacopo Fo

Questa mostra è un atto di opposizione a quanti erigono muri in nome di Dio.
A quanti non sentono l'imperativo morale di portare aiuto ai profughi e ai diseredati.
Viviamo una fase di revanscismo di sentimenti ignobili.
Sento il bisogno di ribellarmi all'ipocrisia di chi inneggia alla guerra e poi rifiuta di soccorrere i profughi.
Innanzi tutto mettiamo i puntini sulle "i".
Secondo i Vangeli, Gesù era un profugo immigrato in Egitto per sfuggire alla persecuzione.
E non era biondo. Era piuttosto scuro di pelle e di capelli. Anche perché ai tempi gli ebrei non erano ancora arrivati nell'Europa del nord, dove a causa del freddo si sono un po' sbiancati. Lo confermano autorevoli ricerche. Senza contare che una delle 12 tribù di Israele era nera, proprio nera, e lo è ancora! Quindi c'è il rischio che Gesù fosse non solo abbronzato ma proprio nero.
Quindi ne discende che la sua mamma, la Madonna, fosse piuttosto scura di pelle anche lei. Cosa di cui peraltro molti italiani sono convinti da tempo visto il proliferare delle Madonne Nere sul suolo italico.
Inoltre la rivoluzionaria ricerca di Luca Cavalli Sforza sul dna dei mitocondri delle cellule umane, ha dimostrato che discendiamo tutti da alcune donne africane nere di pelle. Quindi Eva era nera, e visto che Dio ci fece a sua immagina e somiglianza, è indiscutibile pure che Dio è nero!
Ed è pure dimostrato che le principali invenzioni dell'umanità primitiva, l'uso del fuoco, l'agricoltura, la ceramica, sono state realizzate da popolazioni nere dell'Africa prima delle migrazioni nel resto del mondo.
Questi sono i fatti, taciuti dalle scuole e dalla maggioranza dei testi divulgativi.
Ho deciso quindi di realizzare una serie di dipinti che facciano giustizia delle falsificazioni cromatiche razziste. Una mostra che parte da Roma e ha come obiettivo quello di girare l'Europa per arrivare infine in Africa.
Vorrei con questa azione pittorica innanzi tutto celebrare la bellezza dei popoli neri e secondariamente raccontare quel che viene taciuto. Ho una sola paura: che mi si accusi di blasfemia per aver dipinto un Dio nero. Temo che la stupidità dei bigotti razzisti sia superiore a qualsiasi logica consequenziale. Vediamo cosa succede.

PS
Questi lavori proseguono la ricerca sulle meravigliose sfumature della pelle nera che ho intrapreso per realizzare i pannelli di informazione sanitaria utilizzati durante il progetto teatrale in Mozambico "Il Teatro Fa Bene".