mostra pittura

Al Valecenter di Marcon, Venezia, il Progetto Dario Fo

Riceviamo e molto volentieri pubblichiamo questa bellissima iniziativa. Se siete in Veneto andate a farci un giro!

Progetto Dario Fo: gli animali fantastici di Darwin

Al Valecenter il Progetto Dario FoUn concorso per le scuole in memoria del grande Premio Nobel

Da lunedì 3 luglio nella galleria dello shopping center di Marcon – Valecenter (Ve) saranno esposti i dieci elaborati che i bambini delle scuole elementari e medie delle provincie di Venezia e Treviso hanno creato nell’ambito del progetto “Gli animali fantastici di Darwin”.
Hanno partecipato alcune centinaia di studenti; 23 scuole; 4 associazioni producendo 146 disegni e 10 sculture.  
Sabato 15 luglio, alle 18 sarà inaugurata la mostra delle sculture di grandi dimensioni (2mx2m) che il maestro Enrico Berico (a lungo amico vicinissimo a Fo) ha realizzato nel suo studio di Cesenatico a partire dai disegni selezionati come vincitori.
In quell’occasione, al Valecenter interverrà anche Jacopo, che sarà anche alla Feltrinelli per presentare il libro di Dario: Darwin. Ma siamo scimmie da parte di padre o di madre?.

Nel mese di agosto e settembre i disegni saranno ospitati nelle Cantine Pizzolato di Villorba; da ottobre e per tutto il prossimo anno scolastico dovrebbero spostarsi nel museo archeologico di Altino (il condizionale è d’obbligo, perché le trattative sono ancora in corso), proprio dove Dario Fo era stato lo scorso anno per un evento partecipatissimo e già entrato nella storia della comunità altinate.

Il “Progetto Dario Fo è stato presentato nella sede direzionale del Valecenter dal direttore dello shopping center Alberto Marinelli e dalla coordinatrice di ABConlus Marina Salvato, presenti alcune rappresentanti delle Amministrazioni comunali coinvolte.  

Progetto Dario Fo: gli animali fantastici di Darwin“Darwin: l’idea era di raccontare l’evoluzione, reale o fantastica, come strumento di sollecitazione dei bambini – ha spiegato Jacopo Fo intervenendo in videocollegamento – Purtroppo la malattia principale della società odierna è la mancanza di passione. Alle grandi potenzialità tecnologiche spesso corrispondono attività totalmente alienanti. Il nostro intento, perciò, è stato quello non solo di promuovere la cultura, ma anche di coinvolgere le persone nell’arte e per l’arte, per dare loro la possibilità di esprimere al meglio la propria persona e d’interagire con le altre”.

Queste le scuole partecipanti:
Dell’infanzia: Maria Immacolata di Favaro; Madonna della Provvidenza di Scorzé; Rodari, Piaget, Sacro Cuore e Arcobaleno di Mogliano Veneto.  
Elementari: Don Milani e Marconi di Marcon; Piranese, Collodi, Frank e Valeri di Mogliano Veneto; Nievo di Mira; Giovanni XIII di Preganziol; Marconi di Zero Branco; Farina, San Gioacchino e Mameli di Mestre; Colombo di Chirignago; Manin di Ca’ Savio.  
Medie: l'Istituto di Quarto d’Altino.
Associazioni di persone con disabilità
Gli amici di Tiuo Mestre
Coop cssa ceod la rivincita Mestre
Cooperativa Realtà Marghera
Cooperativa Il Pesco - Mogliano Veneto

Ai vincitori saranno consegnati dei buoni acquisto del negozio di belle arti Angeloni e una gift card da spendere nel centro commerciale per necessità scolastiche di alunni in difficoltà.
Il “Progetto Dario Fo” è sostenuto da Assicurazioni Generali e realizzato in collaborazione con i partner tecnici FallaniGroup, Serigrafie Fallani, Cantine Pizzolato e Feltrinelli.

 

 

Il gazzettino di Venezia di giovedì 22 giugno 2017

Categorie: 

Un Nobel con il pennello

Due nuove mostre di Dario Fo e Franca Rame:

“Dario Fo, un pittore recitante”, dal 16 giugno al 24 luglio presso l’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna, Viale Aldo Moro 50, 40127 Bologna.
La mostra conterrà 28 opere di vari periodi del percorso artistico di Dario Fo: da un autoritratto del Premio Nobel a un toccante ritratto che Fo fece della moglie Franca Rame, poi ancora un trionfo di figure umane color pastello che, con tratto dolce e tinte allegre, raccontano dell’umanità, del bene e del male e in estrema sintesi della voglia di vivere che ha sempre accompagnato il Maestro dentro e fuori il palcoscenico e nelle sue tele.

 

“Cantate, uomini, la vostra storia”, dal 14 giugno al 14 luglio 2017 presso la Sala Alessandrina dell’Archivio di Stato di Roma.
“L’opera di Dario Fo e Franca Rame va oltre il teatro per farsi arte condivisa in virtù di un impegno e un'attenzione costanti alle tematiche sociali per la difesa dei più deboli. L'attualità delle tematiche da loro trattate è drammaticamente evidente.”

Categorie: 

Trump profugo di guerra

E’ la provocazione dell’artista siriano Abdalla Al Omari che ha allestito a Dubai la mostra “The Vulnerabity Series” dove ha ritratto i potenti della terra come se fossero dei profughi di guerra.
Ed ecco che si può vedere il presidente americano nelle vesti di un vagabondo senza fissa dimora che esibisce la foto della sua famiglia scomparsa, mentre in un’altra immagine compare il leader della Corea del Nord trasformato in una sorta di monello che nasconde dietro di sé un missile giocattolo.
L’effetto è un po’inquietante.
(Fonte: Lifegate.it)

Leggi CACAO di oggi

Dario Fo: un pittore recitante (mostra a Savona)

Sabato 13 maggio, ore 18,30,
s'inaugura presso
GULLIarte IN C.SO ITALIA, 201R, SAVONA
la mostra:
DARIO FO – “Un pittore recitante”

GULLIarte prosegue le mostre programmate per il 2017, sviluppando un progetto espositivo intitolato ECHI DEL NOVECENTO con l'omaggio all'eclettico artista DARIO FO.

La mostra è patrocinata dal COMUNE DI SAVONA, organizzata dal Nuovo Comitato “IL NOBEL PER I DISABILI“ onlus e dalla galleria GULLIarte, curatore mostra Dott. Lisandria.

La mostra prosegue fino all'11 giugno 2017 con apertura della galleria con i seguenti orari: chiuso il lunedì mattina, tutti i giorni 10.30 12.30 –15.30 19.30
Info: 019812894 – info@gulliarte

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA

Categorie: 

Dario Fo e Franca Rame, il Mestiere del Narratore - Intervista a Jacopo e Mattea Fo

Ringraziamo la redazione di Letture Metropolitane per la lnga intervista a Jacopo e Mattea Fo sulla mostra di Dario Fo a Palazzo Barberini, Roma.

Per maggiori informazioni sulla mostra clicca qui

 

Il Teatro di Radio 3: la mostra di Dario Fo a Palazzo Barberini Roma

Mostra su Dario Fo e Franca Rame a Roma. Ne parlano il figlio Jacopo e la nipote Mattea. Intervista del 14 aprile 2017

Clicca qui per ascoltare l'intervista

Per maggiori informazioni sulla mostra clicca qui

Categorie: 

Maternità, mostra personale di Eleonora Albanese

Dal 22 al 25 aprile 2017, Museo di San Domenico, via G. Sacchi 4, Imola

22 aprile, ore 15: inaugurazione
Ore 16: laboratorio di pittura Genitore-Bambino condotto da Eleonora Albanese.

Intervista di Mammeonline a Eleonora Albanese

Quanto è importante per te, Eleonora, esprimerti con l'arte?

“Da sempre l'importante per me è stato esprimermi per cui, a parte il canale preferenziale della pittura, trovo che comunicare sia l'unica via possibile per ritrovarsi in relazione con il resto degli umani. E per me è fondamentale.

Continua a leggere

Categorie: 

Dio è nero (E Gesù è un profugo siriano)

Carissimi,
vi proponiamo in anteprima il testo guida della mostra: Dio è nero (E Gesù è un profugo siriano) di Jacopo Fo, dal 7 al 20 aprile a Roma, presso la galleria Monogramma
Arte Contemporanea
- via Margutta 102 – 00187 - Roma - www.monogramma.it - infomonogramma@gmail.com
Nelle foto un bozzetto originale delle opere in esposizione.
Buona lettura.

Dio è nero (E Gesù è un profugo siriano)
di Jacopo Fo

Questa mostra è un atto di opposizione a quanti erigono muri in nome di Dio.
A quanti non sentono l'imperativo morale di portare aiuto ai profughi e ai diseredati.
Viviamo una fase di revanscismo di sentimenti ignobili.
Sento il bisogno di ribellarmi all'ipocrisia di chi inneggia alla guerra e poi rifiuta di soccorrere i profughi.
Innanzi tutto mettiamo i puntini sulle "i".
Secondo i Vangeli, Gesù era un profugo immigrato in Egitto per sfuggire alla persecuzione.
E non era biondo. Era piuttosto scuro di pelle e di capelli. Anche perché ai tempi gli ebrei non erano ancora arrivati nell'Europa del nord, dove a causa del freddo si sono un po' sbiancati. Lo confermano autorevoli ricerche. Senza contare che una delle 12 tribù di Israele era nera, proprio nera, e lo è ancora! Quindi c'è il rischio che Gesù fosse non solo abbronzato ma proprio nero.
Quindi ne discende che la sua mamma, la Madonna, fosse piuttosto scura di pelle anche lei. Cosa di cui peraltro molti italiani sono convinti da tempo visto il proliferare delle Madonne Nere sul suolo italico.
Inoltre la rivoluzionaria ricerca di Luca Cavalli Sforza sul dna dei mitocondri delle cellule umane, ha dimostrato che discendiamo tutti da alcune donne africane nere di pelle. Quindi Eva era nera, e visto che Dio ci fece a sua immagina e somiglianza, è indiscutibile pure che Dio è nero!
Ed è pure dimostrato che le principali invenzioni dell'umanità primitiva, l'uso del fuoco, l'agricoltura, la ceramica, sono state realizzate da popolazioni nere dell'Africa prima delle migrazioni nel resto del mondo.
Questi sono i fatti, taciuti dalle scuole e dalla maggioranza dei testi divulgativi.
Ho deciso quindi di realizzare una serie di dipinti che facciano giustizia delle falsificazioni cromatiche razziste. Una mostra che parte da Roma e ha come obiettivo quello di girare l'Europa per arrivare infine in Africa.
Vorrei con questa azione pittorica innanzi tutto celebrare la bellezza dei popoli neri e secondariamente raccontare quel che viene taciuto. Ho una sola paura: che mi si accusi di blasfemia per aver dipinto un Dio nero. Temo che la stupidità dei bigotti razzisti sia superiore a qualsiasi logica consequenziale. Vediamo cosa succede.

PS
Questi lavori proseguono la ricerca sulle meravigliose sfumature della pelle nera che ho intrapreso per realizzare i pannelli di informazione sanitaria utilizzati durante il progetto teatrale in Mozambico "Il Teatro Fa Bene".