CuoreBasilicata

Facebook Instagram TikTok YouTube Twitter Jacopo fo english version blog

RESTIAMO IN CONTATTO!

Abbonamento a feed CuoreBasilicata CuoreBasilicata
Cultura | Natura | Gusto
Aggiornato: 3 ore fa

Il docufilm Due Ma Non Due arriva a Moliterno, Montemurro e Marsicovetere

Ven, 10/15/2021 - 16:34

Arriva in Val D’agri “Due Ma Non Due”, il docufilm interamente girato qui con persone che  abitano qui.

Tre appuntamenti gratuiti a Moliterno, Montemurro e Marsicovetere, realizzati con la collaborazione della Amministrazioni cittadine, per garantire a tutti l’occasione di tornare in sala, in totale sicurezza secondo le normative vigenti e vedere una pellicola dedicata alla propria terra.

Guarda il TRAILER di “Due Ma Non Due”.

Gli appuntamenti:

 

 

Saranno presenti in sala il regista e gli attori.
Posti limitati, prenotazione gratuita, obbligo di green pass.

“Due Ma Non Due” è stato premiato nella cornice della Mostra del Cinema di Venezia con il “Log To Green Movie Award”, assegnato al film dell’anno che meglio rappresenta storie di sostenibilità e solidarietà sociale e presentato in prima assoluta a Milano al Festival Internazionale del Documentario Visioni dal Mondo.

Due Ma Non Due”, regia di Iacopo Patierno, scritto da Federica Sozzi, è la storia di persone accomunate dall’impegno a dare valore alla propria vita. Due Ma Non Due si svolge tra le montagne dell’Alta Val d’Agri e della Val Camastra, in Basilicata. La famiglia Volpe alleva mucche podoliche che pascolano nei boschi e danno il latte solo se hanno accanto il loro vitello. Rodrigo è un artista che cerca un muro per realizzare un dipinto che serva a rafforzare l’identità di quel luogo attraverso la tradizione e i simboli condivisi. Giovanni e Benedetta hanno un ranch dove i cavalli vengono addestrati attraverso una relazione basata su un tale rispetto che gli animali sono ormai in grado di trasformare in meglio gli stati vitali di qualsiasi cliente.
Sono le storie di persone accomunate dalla consapevolezza di una non dualità tra sé e l’ambiente, tra la nostra decisione e il luogo in cui viviamo.

Due Ma Non Due è stato prodotto da Jacopo Fo Film (Gruppo Atlantide) con il sostegno di Eni e il patrocinio della Lucana Film Commission e di Comuni del territorio.
Due Ma Non Due è una delle iniziative del progetto CuoreBasilicata.it realizzato con il coordinamento di Jacopo Fo e Bruno Patierno.

Categorie: Altri blog

Per le Giornate FAI d’Autunno riapre il Monastero di Santa Maria dell’Aspro di Marsicovetere

Ven, 10/15/2021 - 11:04

Tornano le Giornate FAI d’Autunno nel week end del 16 e 17 ottobre, quest’anno ambientate anche nel comune di Marsicovetere. Per l’occasione verrà riaperto al pubblico il Monastero francescano di Santa Maria dell’Aspro, monumento simbolico della storia della comunità marsicoveterese – sottoposto a tutela della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio della Basilicata – entrato nel circuito delle bellezze promosse dal FAI, per l’edizione 2021. Luogo suggestivo dalla forte spiritualità, nelle Giornate d’Autunno del prossimo week end, i visitatori appassionati di beni storici e culturali – disseminati in tutte le regioni d’Italia a testimonianza dell’interessante storia del nostro Paese, laica e religiosa – potranno immergersi nell’area verde che lo ospita.

Il Monastero di Santa Maria dell’Aspro o Convento di Santa Maria di Loreto è uno dei luoghi di culto del francescanesimo più interessanti della Basilicata, edificio sacro che ospitò l’esponente di spicco del movimento degli Spirituali, poi fondatore dell’Ordine dei Fraticelli, Angelo Clareno. Alla morte di Francesco, il Santo di Assisi, un gruppo di frati minori vollero seguire la sua Regola in maniera austera ed intransigente, aspirando ad una vita ascetica e in totale povertà. La Chiesa del tempo li considerò, però, eretici e contrari ai precetti religiosi tradizionali. Furono, infatti, sottoposti a dure persecuzioni da parte del Tribunale dell’Inquisizione. Lo stesso Angelo Clareno, ormai anziano, rifugiatosi presso l’abate di Subiaco, fu ricercato dagli inquisitori, per essere sottoposto a giudizio. Fu protetto dall’abate ed aiutato a fuggire. Per salvarsi dalle persecuzioni, trovò ai piedi del Volturino un luogo solitario e nascosto, un eremo, dove trascorse gli ultimi anni della sua vita in preghiera ed ascesi. Fonti documentarie raccontano che al tempo di Clareno, nella Valle dell’Agri la popolazione era affetta da diverse malattie alle braccia, agli occhi, alla bocca, e che in molti casi drammatici (fistole, piaghe, ingrossamento dei linfonodi) l’intervento del frate fu miracoloso. Uno dei casi più eclatanti fu quello del muratore di Viggiano, il quale chiese a Clareno l’imposizione delle mani per essere guarito. E il suo tocco fu guaritore. Uno dei capostipiti degli Spirituali, Angelo Clareno, uomo di grande cultura scomunicato da Papa Giovanni XXII nel 1317 e spentosi nel 1337, rimane ancora oggi molto studiata per la sua figura controversa ed i prodigi che compì durante la sua vita.

È nell’ultimo luogo di approdo del frate francescano, tra paesaggi di una natura selvaggia, che venne edificato il Monastero di Santa Maria dell’Aspro, dedicato dal frate a Santa Maria di Loreto. Il monastero fu nel tempo fortemente danneggiato dall’incuria e dai terremoti verificatisi nell’area, in particolare quello del 1857, che causò la fine dell’attività del monastero.

Gli interventi di recupero e di restauro implementati dal Comune di Marsicovetere, negli ultimi decenni, hanno reso possibile il recupero della Chiesa e delle mura dell’impianto originario.

Stiamo lavorando per recuperare il patrimonio culturale e storico del nostro comune, perché non rimanga nell’oblio e abbandonato all’incuria del tempo“, ha dichiarato il sindaco di Marsicovetere Marco Zipparri.Avviare un percorso di valorizzazione e promozione delle risorse di un luogo non significa calare un progetto dall’alto, ma coinvolgere la comunità locale, affinché si riappropri delle sue radici e del forte attaccamento al proprio luogo di appartenenza. Queste giornate diventano così un’ottima occasione anche per i marsicoveteresi, di conoscere meglio il proprio patrimonio culturale”, ha concluso il sindaco.

Categorie: Altri blog

Corso gratuito “PARLARE CON VIAGGIATORI E TURISTI” a Marsico Nuovo

Ven, 10/08/2021 - 10:19

Finalmente in presenza torna il corso “PARLARE CON VIAGGIATORI E TURISTI” tenuto da Jacopo Fo e rivolto a tutti quelli che hanno, o vogliono, avere a che fare con questo tipo di pubblico (albergatori, ristoratori, baristi, commercianti, personale di uffici informazione…) con residenza o attività su uno dei comuni del progetto CuoreBasilicata: Calvello, Grumento Nova, Marsico Nuovo, Marsicovetere, Moliterno, Montemurro, Paterno, Sarconi, Spinoso, Tramutola e Viggiano.,

Il corso è gratuito e si terrà nei giorni 10 e 11 novembre 2021 (10.00-13.00 / 15.00-17.00) presso la sala conferenze del Comune di Marsico Nuovo in Piazza dell’Unità d’Italia, 1.

Due giorni in presenza durante i quali conoscere le tecniche più adeguate a una comunicazione efficace e adatta a parlare con turisti nazionali ed internazionali, con l’obiettivo di saper raccontare le cose interessanti che si possono vedere, acquistare e fare nella zona.

Perché partecipare? Perché una buona comunicazione e accoglienza aiuta i visitatori a fermarsi sul territorio e a frequentare di più sia la zona che i locali, incrementando così non solo la visibilità del territorio ma anche l’economia.

Il corso proposto online durante il periodo di pandemia da Covid-19 con oltre 17.000 visualizzazioni è ancora disponibile al pubblico sul sito ufficiale e i canali social di CuoreBasilicata.

Posti limitati. Invia la tua domanda di iscrizione all’indirizzo info@cuorebasilicata.it entro e non oltre il 31/10/2021 scrivendo nell’oggetto “Domanda di iscrizione a Corso Comunicazione con i visitatori” indicando nel testo della mail: nome e cognome; data di nascita; telefono; residenza; azienda o ente o associazione di appartenenza; professione.

Oppure puoi anche scaricare QUI il FORM precompilato per inviare la tua candidatura. 

I candidati ammessi al corso saranno avvertiti via mail entro il 3/11/2021.  A conclusione del corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

Iniziativa promossa dal progetto CuoreBasilicata – www.cuorebasilicata.it 

 

 

Categorie: Altri blog

Premiato il film Due Ma Non Due a Venezia con il Log To Green Movie Award 2021

Lun, 09/13/2021 - 09:43

Il film Due Ma Non Due, scritto da Federica Sozzi e diretto da Iacopo Patierno, nella cornice della Mostra del Cinema di Venezia, ha ricevuto il premio “Log To Green Movie Award 2021”, sezione “Opere Cinematografiche”.
Il premio viene assegnato ogni anno all’opera cinematografica che si è più distinta per la comunicazione  dell’impegno nel rispetto del territorio e della responsabilità sociale.
Alla premiazione, avvenuta al Lido di Venezia presso l’Hotel Excelsior, hanno partecipato Federica Sozzi, Iacopo Patierno e Jacopo Fo, produttore del film.

Renato Cremonesi, ideatore del Premio, ha dichiarato: “Il mondo della Cinematografia e della Televisione, che muove importanti realtà economiche ed ha una capacità di coinvolgimento di pubblico molto elevata, non può ignorare la forte capacità di stimolare nel pubblico scelte di comportamenti più consapevoli e responsabili verso l’ambiente, per contribuire a promuovere modelli di sviluppo più equi e sostenibili“.

Sarà possibile vedere Due Ma Non Due il 16 settembre, h. 17,25, al Teatro Litta di Milano, dove sarà proiettato in prima assoluta nell’ambito della rassegna “Visioni dal Mondo”, in concorso nella sezione lungometraggi italiani. Accesso gratuito fino ad esaurimento posti.

Saranno presenti il regista Iacopo Patierno, l’autrice dei testi Federica Sozzi ed alcuni dei protagonisti del film.

Qui il trailer del film https://www.youtube.com/watch?v=WZEJwG1q-us

Due Ma Non Due” racconta il cuore della Basilicata, l’Alta Val d’Agri e la Val Camastra, dove si intrecciano le storie di persone accomunate dall’impegno a dare valore alla propria vita, dando il meglio di sé. I protagonisti, Rodrigo, Benedetta, Giovanni, Maria e Nicola, condividono il legame profondo con la loro terra e la consapevolezza che la vera libertà non è assenza di limitazioni, ma la capacità di non arretrare mai di un solo passo.

Due Ma Non Due è stato realizzato nell’ambito del progetto CuoreBasilicata.it, coordinato da Jacopo Fo e da Bruno Patierno con il sostegno di Eni e il patrocinio della Lucana Film Commission e di Comuni dell’area.

 

 

La locandina ufficiale di Due Ma Non Due:

 

Categorie: Altri blog

Il film Due Ma Non Due vince a Venezia il Log To Green Movie Award 2021

Gio, 09/09/2021 - 11:58

Il film Due Ma Non Due, scritto da Federica Sozzi e diretto da Iacopo Patierno,  ha vinto il “Log To Green Movie Award 2021”, sezione “Opere Cinematografiche”.
Il premio, giunto alla sua ottava edizione, viene assegnato, nella cornice della Mostra del Cinema di Venezia, all’opera cinematografica che si è più distinta per la comunicazione  dell’impegno nel rispetto del territorio e della responsabilità sociale.
La premiazione avverrà sabato 11 settembre, alle ore 13, presso l’Hotel Excelsior, Lido di Venezia, alla presenza di Alessia Rotta, presidente della Commissione Ambiente della Camera dei Deputati.
Parteciperanno Federica Sozzi, Iacopo Patierno e Jacopo Fo, produttore del film.

 

 

Sarà possibile vedere Due Ma Non Due il 16 settembreh. 17,25, al Teatro Litta di Milano, dove sarà proiettato in prima assoluta nell’ambito della rassegna “Visioni dal Mondo”, in concorso nella sezione lungometraggi italiani.
Saranno presenti il regista Iacopo Patierno, l’autrice dei testi Federica Sozzi ed alcuni dei protagonisti del film.

Qui il trailer del film
https://www.youtube.com/watch?v=WZEJwG1q-us

Due Ma Non Due” racconta il cuore della Basilicata, l’Alta Val d’Agri e la Val Camastra, dove si intrecciano le storie di persone accomunate dall’impegno a dare valore alla propria vita, dando il meglio di sé. I protagonisti, Rodrigo, Benedetta, Giovanni, Maria e Nicola, condividono il legame profondo con la loro terra e la consapevolezza che la vera libertà non è assenza di limitazioni, ma la capacità di non arretrare mai di un solo passo.

Due Ma Non Due è stato realizzato nell’ambito del progetto CuoreBasilicata.it con il sostegno di Eni e il patrocinio della Lucana Film Commission e di Comuni dell’area.

Categorie: Altri blog

Incontro/Conferenza Stampa: il Cuore della Basilicata all’epoca della Comunicazione Digitale

Mar, 08/10/2021 - 09:39

Moliterno, CineTeatro Pino, 12 agosto 2021, h. 16,30.

L’Amministrazione Comunale di Moliterno, assieme al team di Cuore Basilicata, invitano a partecipare ad un incontro/conferenza stampa: “La strategia di promozione dell’interno della Basilicata nell’epoca della comunicazione digitale: il caso Cuore Basilicata”.

Ne parleranno tra gli  altri Antonio Rubino, Sindaco di Moliterno; Giovanni Risi, Assessore di Moliterno; Bruno Patierno, Coordinatore Gruppo Atlantide, assieme a Sindaci dell’Alta Val d’Agri, giornalisti, cittadini e componenti del Gruppo di Animazione Territoriale del progetto Cuore Basilicata.

Un confronto necessario per il particolare momento che la nostra economia sta vivendo, tra difficoltà legate alla crisi sanitaria ed economica e opportunità che possono derivare dalla valorizzazione del turismo e delle risorse locali verso il mercato italiano e internazionale.

Nell’epoca della comunicazione digitale per avere successo bisogna dotarsi di strumenti di marketing evoluti, come la diffusione della propria identità  anche attraverso film e web serie, la costruzione di infopoint interattivi, la promozione nel web dei prodotti locali con vetrine che valorizzino le eccellenze del territorio, la costruzione di pacchetti di offerta per i tour operator… assieme alla formazione e allo sviluppo delle risorse umane.

In questo ambito saranno presentate anche le iniziative in corso e in programma nell’ambito del progetto cuorebasilicata.it, realizzato da Jacopo Fo srl (Gruppo Atlantide) con il coordinamento di Jacopo Fo e Bruno Patierno, il sostegno di Eni e il patrocinio di comuni del territorio.

Categorie: Altri blog

Due Ma Non Due, il film che porta il Cuore della Basilicata a Visioni dal Mondo

Lun, 07/26/2021 - 12:12

Quest’anno per la prima volta l’Alta Val d’Agri, il Cuore della Basilicata, sarà rappresentata in concorso a Visioni dal Mondo attraverso un film che la racconta: Due Ma Non Due. Il film è stato selezionato tra quelli in concorso nella sezione riservata ai lungometraggi italiani.

Due Ma Non Due, regia di Iacopo Patierno, scritto da Federica Sozzi, è la storia di persone accomunate dall’impegno a dare valore alla propria vita. Due Ma Non Due si svolge tra le montagne dell’Alta Val d’Agri, in Basilicata. La famiglia Volpe alleva mucche podoliche che pascolano nei boschi e danno il latte solo se hanno accanto il loro vitello. Rodrigo è un artista che cerca un muro per realizzare un dipinto che serva a rafforzare l’identità di quel luogo attraverso la tradizione e i simboli condivisi. Giovanni e Benedetta hanno un ranch dove i cavalli vengono addestrati attraverso una relazione basata su un tale rispetto che gli animali sono ormai in grado di trasformare in meglio gli stati vitali di qualsiasi cliente.
Sono le storie di persone accomunate dalla consapevolezza di una non dualità tra sé e l’ambiente, tra la nostra decisione e il luogo in cui viviamo.

 

Qui il link al trailer del film 

Due Ma Non Due, prodotto da Jacopo Fo Film (Gruppo Atlantide) con il patrocinio della Lucana Film Commission e dei Comuni del territorio e il sostegno di Eni, si colloca all’interno del progetto CuoreBasilicata.

Il Festival Internazionale del Documentario Visioni dal Mondo, l’atteso appuntamento con il cinema del reale, direttore artistico Maurizio Nichetti, torna dal 16 al 19 settembre 2021 con la settima edizione, consacrando Milano capitale indiscussa del cinema documentario.Smascherare il presente per costruire un futuro migliore è il tema della settima edizione. Fedele alla mission di raccontare il mondo d’oggi attraverso la memoria incancellabile del passato, Visioni dal Mondo 2021 si pone l’obiettivo di indagare e, in modo ancora più incisivo, smascherare il presente per immaginare e costruire un futuro migliore.

Categorie: Altri blog

“A tu per tu” con la presidente della Pro loco “Terra dei Padri”, Rosa Fortunato

Gio, 07/15/2021 - 17:21

“Il territorio di Paterno è un richiamo per tutti coloro che amano il contatto con la natura, l’attività sportiva “en plein air” e la genuinità  dei prodotti tipici!”

Come è attualmente la situazione della Pro loco visto l’emergenza Coved – 19?

L’emergenza Covid ha rivoluzionato le attività sociali della pro loco limitandole all’essenziale. Le manifestazioni, le sagre in particolare, che avevamo previsto non si svolgeranno ma saranno rimpiazzate da altre che prevedono modalità di svolgimento diverse.

Quanti iscritti conta la pro loco?

Attualmente gli associati sono circa 60.

Qual è l’impegno per il 2021 e  quali le iniziative programmate per l’estate ?

Per questa estate abbiamo programmato delle manifestazioni che non prevedono somministrazione di cibo, vista la situazione di pandemia; in compenso abbiamo messo in essere un cartellone di eventi che, nonostante le limitazioni, è molto allettante! Abbiamo iniziato l’11 luglio con l’inaugurazione di “Giocoliamo – Il vialetto giocoso!”, un percorso ludico disegnato sul vialetto del parco giochi nel centro cittadino. Continueremo il 30 luglio con un concerto di pianoforte all’imbrunire nell’area picnic sulla strada per Padula e poi, ad agosto, l’evento che direi è la punta di diamante dell’estate valligiana: una 3 giorni di arte, natura, sport e musica lungo il fiume Agri con la partecipazione di artisti scultori del legno di fama nazionale, tra i quali Barba Brisiu, scultore di carving chainsaw (scultura con motosega). Seguiranno, poi, altri concerti in altri luoghi caratteristici del paese.

Tre risorse che caratterizzano il paese e invitano i turisti a visitarlo…

Immerso in uno scenario ambientale di particolare pregio con un importante patrimonio di biodiversità e di acqua – le sorgenti, il fiume Agri e i suoi affluenti, le fontane – il territorio di Paterno è un richiamo per tutti coloro che amano il contatto con la natura, l’attività sportiva “en plein air” e la genuinità  dei prodotti tipici!

Categorie: Altri blog

“A tu per tu” con la presidente della Pro loco Campus di Moliterno, Rosanna Cosentino

Lun, 07/12/2021 - 16:49

Moliterno turistica: puntare su “Arte, Natura e Cibo”. 

Come è la situazione della Proloco, visto l’emergenza Covid – 19?

La Pro Loco in questo annus horribilis ha cercato di continuare il suo programma operativo di promozione del territorio mediante soprattutto l’attività di associazionismo “virtuale”, tanti sono stati gli incontri on line sulle più diffuse piattaforme per costruire piccoli eventi social e realizzare spot informativi di Moliterno attraverso Tik Tok.

Se il concetto più in voga in questi mesi è quello della resilienza possiamo dire che anche la nostra Pro Loco ha cercato di farlo proprio per cui si è evoluta adattando il suo modus operandi in funzione della pandemia. Oggi, grazie alla campagna vaccinale, stiamo cercando di ricostruire quel senso di unità e di condivisione che tanto ci appartengono per cui siamo fiduciosi di poter ritornare a vivere la vita associativa in sede con i nostri soci e a poter fare tanto per la Moliterno.

Attualmente, quanti iscritti conta la Pro loco?

La Pro Loco conta un centinaio di soci segno che nonostante l’emergenza sanitaria si vuole dare fiducia all’associazione e continuare quel percorso di valorizzazione del Paese.

Qual è l’impegno per il 2021 e quali sono le iniziative programmate?

In questo anno l’impegno primario è soprattutto recuperare lo slancio umano ed entusiastico dei soci che questa pandemia ha indebolito e già comunque abbiamo focalizzato l’attenzione con altre realtà associative prova ne è la realizzazione della seconda edizione della “Cheesetrek – il Cammino del Canestrato” fatta il 20 giugno insieme alla Pro loco e altre associazione quali Turismo Moliterno e pro Loco Castelsaraceno e l’associazione Castrum 2019. In seguito sarà possibile imbastire un calendario di eventi ricreativi come i 40 anni della sagra del Canestrato di Moliterno Igp ed eventi formativi a beneficio dei soci e della comunità.

Tre risorse chiave che caratterizzano e promuovono Moliterno..
  • Arte: Moliterno può e deve essere insignita come città d’Arte, il paese possiede preziosi tesori d’arte a partire dal castello medievale, alle straordinarie chiese di stampo barocco-rococò (Chiesa di Santa Croce e Chiesa del Rosario) oltre che alla Bibliomediateca Giacomo Racioppi e infine la rete museale Mam (Musei Aiello Moliterno) a cui fanno capo ben 7 musei che ne fanno un borgo d’eccellenza artistica.
  • Natura: il territorio di Moliterno si estende per 100 kmq di verde solcato da una fitta rete sentieristica che sarà essa a breve a regime per percorsi lunghi ed emozionanti per camminatori esperti e non.
  • Cibo: patria del Canestrato di Moliterno IGP, il formaggio indubbiamente più famoso della Basilicata che ambisce a diventare una realtà economica di rilievo e più strutturata nella valle.
Categorie: Altri blog