A Verona c’è il Festival Irregolare. Perché l’arte fa bene ai ‘normali’ e agli outsider

I medici dovrebbero prescrivere per tutti, insieme alle medicine, anche una buona dose di arte. Infatti è ormai scientificamente provato che l’arte migliora la salute e verticalizza l’effetto positivo delle cure.
Al di là delle numerose ricerche che dimostrano che lo stato d’animo che si sperimenta inventando arte fa bene allo spirito e al corpo, io ho un’esperienza personale piuttosto ricca in proposito.
Prima di morire mia madre tenne un ultimo corso di teatro al villaggio Alcatraz. Non aveva nessuna malattia mortale ma era stanca di vivere per i molti acciacchi.
A pranzo se ne stava rincantucciata al ristorante, avvolta in uno scialle rosso e dimostrava tutti i suoi anni. Poi quando saliva sul palcoscenico e iniziava a recitare aveva una metamorfosi. Si raddrizzava, lo sguardo diventava vivace e pareva addirittura che la pelle del viso si tendesse facendo diminuire parecchio le rughe.
Era un fenomeno che stupiva tutti gli allievi.

E mio padre dopo il suo novantesimo compleanno era messo male. A giugno i medici mi dissero che aveva pochi giorni di vita. Ciononostante continuava a dipingere e a dettare testi… E si incaponì che voleva recitare ancora una volta. E ci riuscì. Tenne il palcoscenico per quasi due ore, all’Auditorium di Roma, di fronte a 3mila persone e finì lo spettacolo cantando. Il che, per lo stato dei suoi polmoni era teoricamente impossibile.
Telefonai al professor Poletti e gli dissi che Dario ce l’aveva fatta. Mi rispose che era ateo ma ora credeva ai miracoli.
L’arte è proprio miracolosa. Scatena emozioni curative, rintraccia energie sconosciute.
Continua a leggere...

 

Categorie: