CuoreBasilicata

Abbonamento a feed CuoreBasilicata CuoreBasilicata
Cultura | Natura | Gusto
Aggiornato: 2 ore 47 min fa

Biscotti glassati

Dom, 10/06/2019 - 10:51
Livello di difficoltà: MEDIOCosto: BASSOTipologia: DOLCI TRADIZIONALIINGREDIENTI

Per i biscotti:

  • 500 g di farina di grano duro
  • 1 cucchiaino di liquore all’anica
  • 5 uova
  • ½ bicchiere di olio di oliva
  • sale q.b.
  • zucchero q.b.

Per la glassa:

  • zucchero a velo
  • acqua q.b.
  • un cucchiaio di succo di limone
PREPARAZIONE

Impastate la farina aggiungendo il liquore all’anice, l’olio e le uova.

Prelevate dall’impasto dei bastoncini di 2 cm di diametro e formatevi dei taralli di forma circolare.

Portate a bollore una pentola d’acqua, immergetevi poco alla volta i vostri biscotti e, man mano che vengono a galla, prelevateli con una schiumarola e scolateli su un canovaccio. Passateli poi in forno a 200 gradi per una ventina di minuti, fino a quando saranno dorati.

A questo punto bisogna prestare particolare attenzione alla preparazione della glassa: sciogliete lo zucchero a velo in acqua (1 kg per 250 cc di acqua), quindi fate bollire per qualche minuto (4-5 minuti in genere), aggiungendo il succo di limone e mescolando continuamente in modo da ottenere un composto denso e cremoso. Un trucco per verificare l’esatto grado di consistenza è quello di prendere il liquido zuccherato, lavorarlo con pollice e indice e valutare se, allontanando lentamente le dita, si vada a creare un filo solido, che non si spezzi.

Adesso togliete il composto dal fuoco e lavoratelo velocemente aiutandovi con uno sbattitore da cucina, fino a quando non diventerà una pasta di colore bianco neve (la lavorazione può essere eseguita in alternativa spatolando energicamente il composto su di un piano di marmo).

Quindi fate sciogliere lentamente la glassa a bagnomaria per riportarla alla consistenza originaria.

Immergete i vostri biscotti raffreddati nella glassa e lasciateli asciugare.

CURIOSITÀ

biscotti al “naspro” sono dolci tipici lucani ricoperti da una delicata glassa bianca aromatizzata al limone, preparati tradizionalmente per il Carnevale, la Pasqua e altre importanti ricorrenze.

Un tempo era il dolce simbolo del matrimonio poiché le famiglie benestanti, grazie all’aiuto di donne esperte chiamate “mustazzulare”, lo offrivano agli invitati al banchetto nuziale.

Categorie: Altri blog

Fiori di zucca in pastella

Gio, 09/05/2019 - 15:59
Livello di difficoltà: BASSOCosto: BASSOTipologia: CONTORNI, ANTIPASTIINGREDIENTI
  • 10 fiori di zucca freschi
  • 150 g di farina
  • 2 uova
  • olio di semi per la frittura
  • acqua minerale gassata o birra q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
PREPARAZIONE

Pulite i fiori di zucca estraendo il pistillo ed eliminando i gambi. Lavate i fiori, sgocciolate e asciugate delicatamente.

In una ciotola inserite la farina, le uova già sbattute, l’acqua minerale gassata o della birra (per rendere la pastella ancor più croccante), salate e pepate a piacere.

Amalgamate bene il composto. Immergete i fiori uno per uno nella pastella e poi friggeteli in abbondante olio bollente. Quando saranno dorati, scolateli e lasciateli asciugare su carta assorbente.

I fiori di zucca fritti sono ottimi serviti sia caldi al momento che freddi dopo qualche ora.

CURIOSITÀ

Sia i fiori femminili che quelli maschili presenti sulla pianta di zucca sono commestibili, ma generalmente è consigliabile consumare solo i secondi, in modo tale da consentire l’impollinazione e ottenere così un raccolto sia di fiori che di frutti. I fiori femminili si differenziano da quelli maschili in quanto si trovano sulla parte finale del frutto e non sono direttamente collegati alla pianta.

Categorie: Altri blog

Itinerario energetico nelle Valli dell’Energia

Gio, 08/15/2019 - 16:39
Itineario - Lungo le vie dell'acqua

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisici elit, sed eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquid ex ea commodi consequat. Quis aute iure reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint obcaecat cupiditat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisici elit, sed eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquid ex ea commodi consequat. Quis aute iure reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint obcaecat cupiditat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum.Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisici elit, sed eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquid ex ea commodi consequat. Quis aute iure reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint obcaecat cupiditat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum.Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisici elit, sed eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquid ex ea commodi consequat. Quis aute iure reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint obcaecat cupiditat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum.

Dati ItinerarioLivello di difficoltà:FacileModi di percorrenza: trekking a piedi, ma anche in bicicletta. Consigliabile un abbigliamento sportivo e comodo, con scarpe da trekking o ginnastica.Da consigliare: una sosta presso la sede del Parco nazionale Appennino Lucano Val d’Agri-Lagonegrese nel comune di Marsico Nuovo.Km lunghezza:

Categorie: Altri blog